Categoria

Messaggi Popolari

1 Polso
Artrosi dell'alluce: eziologia, sintomi clinici, tattiche di trattamento
2 Polso
L'articolazione dell'anca fa male quando si cammina: cause e metodi di trattamento
3 Polso
Come curare la balbuzie
Image
Principale // Massaggio

Quali dolori compaiono con l'osteocondrosi della colonna vertebrale e come si sentono?


L'osteocondrosi non può procedere senza dolore, a meno che non sia nella fase embrionale (debutto). Il dolore nell'osteocondrosi insegue costantemente il paziente, solo periodicamente la loro intensità cambia.

Il dolore è particolarmente pronunciato con la localizzazione dell'osteocondrosi nel collo e nella parte bassa della schiena; con l'osteocondrosi della regione toracica, il dolore è solitamente insignificante anche con una malattia avanzata. Ma il dolore stesso è solo la metà del problema, tende a irradiarsi ("rinculo" ai tessuti vicini).

1 L'osteocondrosi è spesso accompagnata da sensazioni dolorose??

In quasi tutti i pazienti si osservano sensazioni dolorose con osteocondrosi. Nelle prime fasi della malattia, l'osteocondrosi potrebbe non ferire affatto, ma più spesso c'è solo un moderato disagio. Ma già a partire dalla seconda fase, la colonna vertebrale fa costantemente male e il dolore si fa sentire particolarmente forte dopo una dura giornata (tutto il giorno in piedi o seduto).

Il dolore associato all'osteocondrosi si verifica in circa il 95% dei pazienti

La schiena fa più male quando la malattia è localizzata nella colonna cervicale e lombare. Quando il segmento toracico della schiena è interessato, il dolore è solitamente appena percettibile (se l'osteocondrosi non è accompagnata da scoliosi o altre deformità della colonna vertebrale).

Pertanto, le domande sul fatto che il dolore possa verificarsi con la condrosi non dovrebbero essere. Molto più interessante è la domanda sul perché si pone. Il dolore nella colonna vertebrale stessa si verifica a causa di processi degenerativi-distrofici e le sensazioni dolorose nei muscoli sono associate al loro costante sovraccarico compensatorio.
al menu ↑

1.1 È possibile eliminarli?

Qualsiasi manifestazione di osteocondrosi può essere fermata, comprese le sensazioni dolorose. Per questo vengono utilizzati farmaci del gruppo FANS, unguenti riscaldanti e irritanti (cerotto al pepe, unguenti a base di menta).

Tuttavia, è impossibile essere coinvolti in tali farmaci per troppo tempo, in particolare i FANS, che sono molto pericolosi in termini di probabilità di sviluppare emorragie gastrointestinali. È possibile alleviare il dolore una volta, ma l'uso costante di analgesici non porterà ad altro che alla progressione della malattia.

Pertanto, si raccomanda di alleviare il dolore con i farmaci e, sullo sfondo della terapia antidolorifica, iniziare un trattamento intensivo della malattia (terapia fisica, farmaci, correzione dello stile di vita). Per la maggior parte dei pazienti, i cerotti al pepe sono sufficienti per alleviare il dolore, i FANS devono essere usati solo per il dolore molto grave..
al menu ↑

1.2 Mal di testa con osteocondrosi (video)

1.3 Vale la pena andare dal medico se sai che il dolore è dovuto all'osteocondrosi?

Se associ il dolore che è apparso alla presenza di osteocondrosi, devi andare dal medico, così come nel caso di dolore indifferenziato. L'insidiosità della condrosi è che si manifesta in modi diversi: le sensazioni dolorose non devono essere nei muscoli o nella colonna vertebrale.

Molto spesso, l'osteocondrosi debutta con dolore al rachide cervicale

Spesso, l'obiettivo principale è da qualche parte a livello del collo, ma il dolore si irradia alle estremità superiori o alla regione del cuore. Qui, da solo, non puoi essere sicuro che faccia male proprio a causa della condrosi (soprattutto se l'area del cuore "fa male").

Pertanto, in ogni caso, è necessario consultare un medico. Tradizionalmente, l'esame primario dovrebbe essere eseguito da un terapista, ma puoi contattare immediatamente un neurologo o anche un traumatologo. Cosa fa male e dove esattamente la radiografia aiuterà a determinare, in situazioni incomprensibili: risonanza magnetica o TC (senza agenti di contrasto).
al menu ↑

2 Cosa può far male: elenco

La localizzazione del dolore nell'osteocondrosi colpisce per la sua diversità. A causa del fatto che i nodi nervosi passano attraverso la colonna vertebrale, innervando tutti i segmenti del corpo, il dolore può essere in varie parti del corpo (compresa la mascella oi denti!).

Possibile localizzazione del dolore:

  1. Con osteocondrosi cervicale: testa (soprattutto spesso il ponte del naso, fronte, parte posteriore della testa, tempie), occhi, gola, mascelle, muscoli della scapola, denti, articolazioni delle braccia, muscoli delle spalle, area del cuore. Forse la comparsa di un'immaginaria mancanza di respiro, un nodo alla gola, spesso vertigini, nausea e temperatura episodica fino a 37,2 gradi. Motivo: spasmo muscolare, processi degenerativo-distrofici, interruzione dei sistemi sensoriali a causa di spasmo capillare.
  2. In caso di osteocondrosi toracica: torace (incluso dolore sotto le costole, simulazione di problemi allo stomaco o all'intestino), ghiandole mammarie nelle donne, area del cuore (molto spesso!), Addome, spalle spesso diventano insensibili, è possibile una debolezza generale. Motivo: processi degenerativi-distrofici, violazione della statica, sovraccarico compensatorio dei muscoli cervicotoracici.
  3. Con osteocondrosi lombare: intorpidimento alle gambe, dolore ai muscoli delle gambe, alla parte bassa della schiena stessa, coccige, rigidità al ginocchio, sensazione di "spremitura" degli organi interni della cavità addominale. Motivo: spasmo muscolare, processi degenerativo-distrofici, "cedimento" della colonna vertebrale nella colonna lombare (a causa del sovraccarico).

Sullo sfondo dell'osteocondrosi toracica, spesso si verifica dolore nella regione del cuore

Quanto male questo o quell'organo può ferire dipende dallo stadio dell'osteocondrosi. Nella prima fase, le sensazioni dolorose sono appena percettibili, nella terza fase, spesso richiedono un blocco della droga (novocaina o lidocaina).

2.1 Quali sensazioni esistono ancora con l'osteocondrosi?

Anche la variabilità delle manifestazioni (sintomi) del dolore nell'osteocondrosi è sorprendente. Le sensazioni dolorose possono essere non solo tipiche acute / lancinanti / noiose, ma anche imitare altre condizioni patologiche. Spesso si verificano ulteriori sintomi in risposta al dolore..

Possibili sensazioni aggiuntive:

  • tinnito (tinnito a bassa frequenza);
  • vertigini, spesso accompagnate da nausea;
  • violazioni delle capacità motorie fini, ridotta coordinazione dei movimenti;
  • sensazione di intorpidimento nei muscoli spasmodici (a causa di alterato afflusso di sangue capillare e bloccaggio dei nodi nervosi);
  • nodo alla gola, difficoltà a mangiare (forse anche acqua che entra nel naso, difficoltà a deglutire un pezzo di cibo);
  • debolezza generale, malessere;
  • frequente bisogno di urinare, falsa voglia di defecare (che ricorda la sindrome dell'intestino irritabile);
  • fotofobia, comparsa di lampi, mosche e veli davanti agli occhi;
  • rigidità nelle mascelle (a volte è difficile per i pazienti parlare);
  • pulsazioni nelle tempie, una sensazione del battito cardiaco reale (specialmente quando si è sdraiati sulla schiena);
  • disfunzione autonomica, perdita di appetito, aumento o, in casi più rari, diminuzione della sudorazione;
  • ipotensione ortostatica (un secondo oscuramento negli occhi con una netta transizione dalla posizione orizzontale a quella verticale).

Il peggior dolore nell'osteocondrosi lombare

I sintomi secondari dell'osteocondrosi (non è la loro causa diretta, ma predispone al loro aspetto) sono attacchi di panico, depressione, attacchi di ipocondria e persino derealizzazione. Possibile aumento della pressione sanguigna (soprattutto con localizzazione cervicale), nausea e, in casi molto rari, attacchi di vomito.

Dolore nell'osteocondrosi

Il dolore è parte integrante di una malattia come l'osteocondrosi. Una persona che soffre di questo disturbo deve ricordare che il disagio può essere significativamente ridotto o addirittura completamente eliminato con l'aiuto di esercizi speciali e alcuni metodi terapeutici..

Più una persona invecchia, più debole diventa la sindrome del dolore. Se il trattamento viene ripreso tempestivamente, intorno ai 60 anni, le condizioni dei dischi intervertebrali si stabilizzeranno e non causeranno tanto dolore come prima.

  • Specificità della malattia
  • Caratteristiche del dolore
  • Cervicale
  • Il petto
  • Regione lombosacrale
  • Come si manifesta il dolore
  • Cervicalgia
  • Radicolopatia cervicale
  • Toracalgia
  • Lombodinia
  • Sciatica

Specificità della malattia

L'osteocondrosi è una malattia caratterizzata da interruzioni nella nutrizione dei tessuti dei dischi intervertebrali, a seguito della quale la loro altezza ed elasticità diminuiscono. Il disco intervertebrale è formato dal nucleo polposo, dall'anello fibroso e dalle placche terminali. Il nucleo è composto per il 90% da acqua.

Il disco intervertebrale è necessario per mantenere la normale pressione tra le vertebre. Situato tra le vertebre, svolge una funzione di assorbimento degli urti. Con l'osteocondrosi, il fluido esce dal disco e non può far fronte ai compiti.

La malattia si verifica sullo sfondo delle seguenti circostanze:

  • microtrauma che si manifesta con carichi significativi e prolungati sulla colonna vertebrale;
  • stile di vita passivo;
  • predisposizione ereditaria.

Nella fase iniziale, la malattia potrebbe non essere accompagnata da dolore. In uno stato di remissione, il dolore può essere lieve o è completamente assente. Nella fase di esacerbazione, la sindrome del dolore aumenta più volte e dura fino al momento in cui la malattia va in remissione. Ecco perché il paziente deve, prima di tutto, fermare il dolore..

Caratteristiche del dolore

Il dolore nell'osteocondrosi ha una localizzazione e caratteristiche diverse. Dipende da quale parte della colonna vertebrale è interessata. Distinguere tra dolore locale e distante. Il primo appare esattamente dove è interessata la colonna vertebrale: nel collo o nella schiena.

È più difficile da diagnosticare in caso di dolore a distanza. Possono apparire ovunque, ma molto spesso i pazienti notano dolore al cuore o all'addome. Le sensazioni dolorose nella colonna vertebrale sono espresse sotto forma di rigidità, sindrome del dolore acuto o cronico. I movimenti sono difficili. Le condizioni del paziente sono lente, stanche.

Vari sintomi della malattia sono associati a danni primari alla colonna vertebrale, che dopo un po 'si traducono in un malfunzionamento del sistema nervoso. Ciò è dovuto alla posizione ravvicinata della colonna vertebrale, del midollo spinale e delle radici dei suoi nervi.

Dopo aver accertato la natura e la localizzazione del dolore, è possibile determinare la parte danneggiata del sistema nervoso. Grazie a ciò, è possibile prescrivere esami aggiuntivi e uno schema terapeutico..

L'osteocondrosi è divisa in diversi tipi, a seconda della posizione della lesione:

  • cervicale;
  • lombosacrale;
  • il petto.

I primi due tipi vengono diagnosticati più spesso, il torace è meno comune. Il dolore si manifesta in vari modi, a seconda del danno a una particolare area..

Cervicale

Se la radice nella prima vertebra cervicale è danneggiata, la sensibilità nella regione occipitale peggiora, se nella seconda la zona parietale e occipitale fa male. Il danno alla radice nei segmenti 2 e 3 è raro. In questo caso, appare una sindrome del dolore, nel collo, dove si è verificato il pizzicamento, la sensibilità diminuisce. In questo caso, la parola può essere compromessa e la sensibilità della lingua è ridotta..

Il dolore e una diminuzione della sensibilità nella regione della clavicola si verificano quando la quarta radice è danneggiata. Anche la respirazione disturbata, il dolore al cuore, il singhiozzo possono essere associati alla quarta radice, poiché ha un nervo frenico. Ma anche questa patologia è rara..

Colonna cervicale. Il disco intervertebrale è cerchiato di nero: ha una funzione naturale di assorbimento degli urti. Di solito, la distruzione delle vertebre si verifica dopo l'inizio di alterazioni degenerative nei dischi intervertebrali.

Il danno alla quinta radice provoca dolore alla spalla. Allo stesso tempo, il muscolo deltoide è indebolito, la sensibilità nella superficie esterna delle spalle diminuisce.

Le lesioni più comuni sono la violazione della sesta e della settima radice. Se il sesto è colpito, il dolore si irradierà dal collo e dalla scapola all'avambraccio e al pollice. La sensibilità peggiora non solo nei luoghi indicati, ma anche nella pelle stessa. In quest'ultimo caso, le sensazioni di dolore colpiscono il collo, la scapola, la parte posteriore della spalla e 2-4 dita. La sensibilità in questi luoghi peggiora.

Se l'ottava radice è danneggiata, il dolore si diffonde dal collo e dalla parte posteriore delle spalle al gomito e al mignolo. Potrebbe non esserci alcun disagio al dito, ma i muscoli saranno indeboliti.

L'osteocondrosi cervicale è spesso espressa sotto forma di dolore lancinante, vertigini, tinnito e deterioramento della funzione visiva.

Quando vedere un medico:

  • la presenza di dolore al collo, che si irradia alla regione occipitale, agli occhi, alle orecchie e alle spalle;
  • i dolori non cessano di tormentarsi di notte;
  • la presenza di dolore alle mani, aggravata dallo sforzo;
  • difficoltà a muovere le mani e le dita, deterioramento della sensibilità, indebolimento muscolare;
  • tensione muscolare del collo al mattino;
  • sentire al mattino che il collo era "sdraiato";
  • dolore al collo quando si sposta la testa;
  • sensazione di intorpidimento e bruciore agli arti;
  • comparsa periodica di dolore lancinante al collo e alla parte posteriore della testa;
  • mal di testa (prima nella regione occipitale, successivamente - nel parietale e temporale);
  • vertigini, perdita di coscienza con un brusco movimento della testa;
  • rumore nelle orecchie;
  • deterioramento della vista;
  • diminuzione della sensibilità della lingua;
  • dolore nella regione del cuore che non viene eliminato dalla nitroglicerina.

Il petto

Una manifestazione caratteristica dell'osteocondrosi toracica è il dolore al petto, alle costole, vicino alla colonna vertebrale e nella parte superiore dell'addome. Il dolore può comparire solo al petto, alla schiena o ai lati del torace. Durante i movimenti normali, in un sogno (rimanendo a lungo in una posizione), il dolore si intensifica, i movimenti diventano vincolati. La mattina dopo, dopo una breve passeggiata, il dolore si attenua.

Potresti anche provare dolore alla schiena e nella zona delle scapole. Con un respiro profondo o nella stessa posizione, si intensificano. La gravità della sindrome del dolore è influenzata anche dal cambiamento della pressione atmosferica e della temperatura (la sua diminuzione).

Spesso, la sindrome del dolore aumenta quando il corpo viene ruotato, poiché il carico sulla parte anteriore del disco intervertebrale, dove di solito si verificano i cambiamenti, aumenta, così come durante i respiri profondi. A volte il dolore peggiora quando ci si piega ai lati. Le sensazioni dolorose nello spazio intercostale sono spesso combinate con l'inalazione dolorosa. Se sono localizzati principalmente nella parte posteriore, puoi notare la tensione dei muscoli lunghi con spasmi unilaterali..

Con un decorso prolungato di osteocondrosi toracica, possono verificarsi malattie degli organi dell'apparato cardiovascolare, respiratorio e digestivo.

La malattia ha un andamento ondulato, caratterizzato dall'alternanza di esacerbazioni e stadi di "decadimento". L'esacerbazione della malattia è spesso associata a uno sforzo fisico eccessivo, sovraccarico psicoemotivo, superlavoro e ipotermia..

Regione lombosacrale

La sindrome del dolore può anche verificarsi a causa di altre malattie della colonna vertebrale sacrale, tuttavia, con l'osteocondrosi, il dolore è permanente, concentrato nella parte bassa della schiena e risale la schiena. In alcuni casi, si irradiano ai glutei e alle gambe. Si presentano in uno stato calmo o dopo uno sforzo. Nei casi più gravi, il dolore si verifica quando si tossisce o dopo un'attività fisica che non influisce affatto sulla parte bassa della schiena.

Sulla base della natura del dolore, si può concludere che la malattia sta progredendo. All'inizio, il dolore è localizzato solo nella parte bassa della schiena. Stanno tirando o dolorando in natura, spesso danno all'osso sacro. A volte appaiono bruscamente (sparano) e crescono rapidamente. Se è coinvolto il nervo sciatico, il dolore dalla parte bassa della schiena passa alla parte posteriore delle gambe. Il disagio alle gambe è particolarmente fastidioso con la sindrome della cauda equina.

Con l'osteocondrosi lombosacrale, il dolore è spesso combinato con tensione muscolare, deterioramento della sensibilità e movimenti alterati. Queste sensazioni si esprimono in modi diversi: dal formicolio e intorpidimento alla completa scomparsa della sensibilità. Questo fenomeno è chiamato "paraplegia inferiore" - paralisi bilaterale delle gambe.

Il mal di schiena non ti consente di scegliere una posizione normale per dormire, il che rende estremamente difficile dormire bene la notte. Letargia e stanchezza costringono il paziente a ridurre l'attività fisica ed evitare il dolore. Nel tempo, una persona perde la capacità di eseguire azioni anche elementari volte all'attuazione di semplici esigenze quotidiane.

Come si manifesta il dolore

In considerazione della significativa diversificazione della manifestazione del dolore, è necessario prestare attenzione alle specifiche della manifestazione di alcune condizioni:

  • dolore alla spalla e alla regione cervicale (cervicalgia e cervicobrachialgia);
  • radicolopatia cervicale;
  • sensazioni dolorose al petto (toracalgia);
  • mal di schiena (lombodinia);
  • dolore nella regione lombosacrale (lumboischialgia).

Cervicalgia

La cervicalgia è caratterizzata dalla manifestazione di dolore al collo ed è spesso accompagnata da tensione e indolenzimento dei muscoli del collo, mobilità limitata del collo, vertigini e disturbi del sistema nervoso autonomo.

La cervicalgia è di due tipi:

  • vertebrogenico - associato a malattie del segmento cervicale della colonna vertebrale (dischi intervertebrali erniati, artrite, traumi, tumori, ecc.);
  • non vertebrale - si verifica a causa di miosite, stiramento eccessivo dei legamenti, ascesso epidurale, meningite, emorragia subaracnoidea, formazione di trombi, dissezione dell'arteria vertebrale, ecc..

Radicolopatia cervicale

La radicolopatia cervicale combina diversi sintomi, che includono dolore alle spalle e al collo, mal di testa e la diffusione del dolore alle braccia a causa della compressione delle strutture nervose nel segmento cervicale.

I pazienti lamentano dolore, intorpidimento nell'area della radice danneggiata. Si verificano anche letargia e ridotta funzione motoria degli arti colpiti. Spesso ci sono spasmi muscolari e dolore nel muscolo trapezio e tra le scapole. Lo studio può rivelare una diminuzione della sensibilità e dei cambiamenti riflessi.

Con la radicolopatia della settima radice, i pazienti mettono la mano sulla testa per alleviare la condizione. In alcuni casi, c'è una sensazione di tensione nella colonna cervicale, che può portare alla mielopatia. Di regola, la malattia si verifica a causa di un'ernia del disco cervicale mediano, stenosi del canale spinale, tumori o infezioni.

Con la mielopatia cervicale, si avverte debolezza negli arti inferiori, le funzioni del tratto gastrointestinale e della vescica sono compromesse. In questa condizione, è necessaria un'attenzione chirurgica immediata..

Toracalgia

La toracalgia è una condizione in cui i nervi intercostali sono compressi o irritati dai tessuti adiacenti dei muscoli e dei legamenti. Questa è una lesione dei nervi periferici, accompagnata da una grave sindrome del dolore.

La malattia può verificarsi sia nei bambini (crescita vigorosa) che negli adulti. Sforzo fisico raro, lesioni, uno stile di vita inattivo, situazioni stressanti, scarsa ecologia: tutto ciò contribuisce allo sviluppo della malattia. La sfida più grande per la colonna vertebrale è la gravidanza, che può anche portare a malattie..

La forma cronica della malattia si esprime sotto forma di sintomi deboli ma costantemente emergenti e la progressione della malattia. In generale, qualsiasi cronicità del processo patologico è abbastanza tollerabile, ma il corpo inizia a "arrendersi" a poco a poco. Dolori di varia localizzazione compaiono per due o tre mesi, dopodiché si attenuano per un po '. Torneranno più tardi, ma con maggiore intensità e grandi conseguenze negative..

Per prevenire la forma cronica, è necessario consultare un medico in modo tempestivo e iniziare il trattamento..

Lombodinia

È caratterizzato da un dolore sordo nella regione lombosacrale, spesso accompagnato da mobilità limitata e tensione muscolare nella parte bassa della schiena. Può durare tre mesi senza abbassarsi.

La lombodinia si sviluppa sullo sfondo dell'ipotermia, una lunga permanenza in una posizione scomoda, sovratensione. Spesso il dolore scompare dopo aver sollevato pesi, ma questo accade solo dopo due o tre giorni. Dopo lunghe passeggiate con i piedi piatti possono comparire sensazioni dolorose.

In caso di malattia, i dolori sono generalmente localizzati su un lato e sono aggravati dallo stare in piedi a lungo, seduti o dopo essersi chinati. È difficile per il paziente assumere una posizione dritta, a volte mettono la mano sulla parte bassa della schiena.

Il dolore induce la persona a cambiare frequentemente posizione, ad appoggiarsi sulle mani, a spostarsi davanti alla sedia o a premere il corpo contro la schiena. In posizione eretta, si avverte un forte affaticamento nella regione lombare.

Sciatica

È caratterizzato da dolore nella parte bassa della schiena, che si irradia alla gamba. Il disagio si diffonde ai glutei e alla parte posteriore delle gambe. Assegni forme croniche (tre mesi senza remissione) e acute.

Con una malattia, il dolore appare inaspettatamente e improvvisamente senza una ragione particolare. Può essere causato da una brusca svolta del corpo o da pesi pesanti. Può anche verificarsi dopo una lunga permanenza in una posizione scomoda..

La natura del dolore è diversa: intensificante, dolorante o bruciante.

Dolore nell'osteocondrosi

I medici non sono sempre in grado di rispondere a ciò che causa dolore nell'osteocondrosi. In effetti, in realtà, quasi tutto può far male: schiena, occhi, gambe, organi interni. Piuttosto, è vero il contrario, a seconda di cosa fa esattamente male, puoi scoprire approssimativamente in quale area della colonna vertebrale si verificano cambiamenti di tessuto indesiderati. Allo stesso tempo, è importante eseguire una diagnostica completa per essere sicuri che si tratti di osteocondrosi e non di un'altra malattia con sintomi simili..

Cos'è l'osteocondrosi

L'osteocondrosi è una malattia di tipo degenerativo-distrofico che colpisce principalmente la colonna vertebrale. I dischi intervertebrali sono i primi a cadere sotto l'influenza negativa e in seguito il disturbo passa alle ossa e ai legamenti della colonna vertebrale. Gli errori nel processo di alimentazione dei dischi intervertebrali riducono le loro normali dimensioni ed elasticità. Ma l'elasticità del disco è molto importante..

I dischi intervertebrali mantengono una normale pressione tra le vertebre, cioè svolgono una funzione di assorbimento degli urti. L'osteocondrosi porta al fatto che il fluido esce dal disco, a causa del quale non può svolgere il suo compito.

Questa malattia nel mondo di oggi è abbastanza comune, tanto da essere già diventata un "flagello". Secondo i risultati dello studio, è stato notato che l'85% del mal di schiena si verifica a causa dell'osteocondrosi nelle sue varie manifestazioni..

Il fatto più importante e spiacevole è che i dischi intervertebrali, cioè il tessuto di cui sono composti, non vengono ripristinati. E quindi il disco, che è già affetto da questa malattia, collassa. Le possibilità di una cura completa sono scarse. Se la malattia è già comparsa, puoi solo fermarne la progressione e lo sviluppo..

Nessuno può dare una risposta esatta alla domanda sul perché appare l'osteocondrosi. Ci sono solo opinioni e una delle più comuni è lo sviluppo dovuto a una distribuzione impropria del carico sulla schiena, con un corsetto muscolare debole e un apparato legamentoso. I medici aderiscono a questa opinione e, sulla base di essa, hanno creato metodi di trattamento che allenano e tonificano i legamenti e i muscoli..

Lo studio ha rivelato alcune situazioni che provocano lo sviluppo di questa malattia:

  1. Stress eccessivo prolungato sulla colonna vertebrale, che porta a microtraumi;
  2. Uno stile di vita sedentario, porta all'indebolimento muscolare;
  3. Lesioni alla schiena;
  4. Peso in eccesso;
  5. Predisposizione ereditata;
  6. Cattiva postura o lunga posizione scomoda.

La causa dell'evento può anche essere un disturbo metabolico, una mancanza di oligoelementi e vitamine necessarie per il corpo..

La malattia colpisce principalmente i dischi intervertebrali. Il dolore caratteristico dell'osteocondrosi segnala l'inizio e lo sviluppo della malattia. Il nucleo perde umidità e con essa la sua funzione ammortizzante. Ma la pressione sulla parte indebolita della colonna vertebrale non diminuisce. A volte aumenta anche in caso di aumento di peso o consigli come l'allenamento della schiena in palestra.

I principali sintomi dell'osteocondrosi

Con la progressione della malattia, la colonna vertebrale inizia a perdere la sua flessibilità, appare una sensazione di stanchezza eterna. Le radici nervose, sotto la più forte pressione del disco distorto, provocano un forte dolore. Ma tali sensazioni dolorose non sono locali, si diffondono in tutto l'arto inferiore o superiore. Tutto dipende dalla posizione del disco interessato. Di conseguenza, la sensibilità generale dei muscoli diminuisce, si indeboliscono e perdono volume..

Di solito, la classificazione di ciò che fa male con l'osteocondrosi si verifica in termini di localizzazione di sensazioni dolorose:

  • Nella colonna cervicale;
  • Nella regione cervicotoracica;
  • Nella regione toracica;
  • Nella regione lombare;
  • Nella regione lombosacrale.

Ma questa malattia è combinata. Ciò significa che diverse parti della colonna vertebrale possono ferire allo stesso tempo..

Dolore nell'osteocondrosi del rachide cervicale

Di solito sono profondi e compaiono al mattino o al mattino. Se si verificano attacchi di tosse grave, il dolore può peggiorare. Con le esacerbazioni, può essere difficile girare la testa, masticare e persino parlare. Le sensazioni dolorose potrebbero non scomparire per settimane se non vengono prese misure appropriate.

Inoltre, il dolore può diffondersi a:

  • Orecchie;
  • Gola;
  • Viso;
  • Mascella;
  • Occhi;
  • Fronte;
  • Dita;
  • Braccia;
  • Capo;
  • Scapole;
  • Le spalle;
  • Costolette.

Inoltre, sintomi come:

  • Forti capogiri;
  • Aumento della pressione;
  • Problema uditivo;
  • Deterioramento della vista;
  • Svenimento;
  • Intorpidimento della lingua;
  • Rumori di testa.

Inoltre, il paziente può diventare ansioso e persino panico..

Nella regione cervicotoracica

La rotazione frequente della testa o l'immobilità prolungata possono solo peggiorare il dolore che può verificarsi su due o un lato. I sintomi principali in questo caso sono forti dolori pressanti sul lato sinistro delle braccia e del torace. In un certo senso assomiglia all'angina pectoris. Ecco perché è necessario consultare un cardiologo quando si effettua una diagnosi..

Ci sono anche possibili sintomi come:

  • Nausea;
  • Vertigini;
  • Mal di denti e mal di testa;
  • Pressione;
  • Forte sensazione di stanchezza;
  • Problemi alle unghie;
  • Pelle secca;
  • Deterioramento della vista;
  • Bagliore davanti agli occhi;
  • Rumore nelle orecchie;
  • Costipazione o diarrea.

Dolore nell'osteocondrosi della colonna vertebrale toracica

Posture scomode spesso assunte possono causare lo sviluppo dell'osteocondrosi della regione toracica. I sintomi in questo caso si manifestano:

  • In curva;
  • Movimenti bruschi;
  • Sospiri profondi;
  • Piste;
  • Alzare le mani;
  • Forte tosse.

In questo caso, può comparire dolore:

  • Nella zona del torace;
  • Tra le costole o le scapole.

Possono peggiorare di notte. In termini di frequenza, assomigliano ad angina pectoris o infarto. C'è una sensazione di intorpidimento, costrizione al petto e pelle d'oca che scorre. Inoltre, è possibile un dolore acuto sul lato sinistro: nello stomaco, nell'intestino, nel fegato, nell'esofago, nei polmoni. Sono possibili anche problemi del sistema riproduttivo maschile..

Dolore nell'osteocondrosi della colonna lombare

Questa forma di osteocondrosi è riconosciuta come la più comune. In primo luogo, c'è un dolore lancinante e doloroso. Soprattutto dopo stress fisico o mentale. In futuro, il dolore appare acuto e lancinante.

Potrebbe esserci una leggera rigidità nei movimenti, difficoltà a piegarsi, sollevare pesi o raddrizzare il corpo, spasmi muscolari. Il dolore può peggiorare se stai fermo a lungo, ti siedi, tossisci, starnutisci, alzi la voce. Quando si è sdraiati o si cammina con leggerezza, il dolore può diminuire.

Il dolore può verificarsi non solo nella parte bassa della schiena, ma anche nell'inguine o nelle gambe. Sensazioni spiacevoli possono diffondersi alla piccola pelvi, glutei, polpacci, basso addome, piedi. Possibile danno alle articolazioni dell'anca e del ginocchio, perdita di sensibilità, deterioramento dei riflessi.

Con l'osteocondrosi lombosacrale, i sintomi sono in gran parte simili a quelli lombari.

La natura del dolore nell'osteocondrosi

Per una malattia come l'osteocondrosi, il dolore cronico e acuto è caratteristico. Le sensazioni dolorose sono pulsanti e lunghe. Il dolore nella parte bassa della schiena e in altre parti della schiena con osteocondrosi è accompagnato da rigidità e limitazione del movimento in questa parte del corpo. Per il paziente, anche la fatica costante è di natura..

Spesso a causa di una malattia, la radice del nervo viene compressa. Quindi le sensazioni di dolore diventano più forti e acute. Il dolore sembra attraversare, diffondendosi non solo lungo la schiena, ma raggiungendo braccia e gambe. Oltre al dolore acuto, il paziente avverte intorpidimento agli arti, si avverte la pelle d'oca, la sensibilità della pelle diventa opaca, i muscoli si indeboliscono nel tempo e appare una grave debolezza. A volte la debolezza è così grave che è impossibile muovere le braccia o stringere qualcosa.

La localizzazione del dolore si trova direttamente nel sito della lesione, ma quasi sempre si estende agli arti. Prendiamo come esempio il tipo più comune di osteocondrosi - lombare. Il dolore in questo caso è dato agli arti inferiori. L'aspetto pettorale è determinato dal dolore negli organi interni. Quello cervicale colpisce di più con gli impulsi dolorosi delle mani, della testa.

Molti, di fronte a una tale malattia, chiedono dove danno dolore nell'osteocondrosi cervicale. Ci sono diverse opzioni qui e ognuna può differire nel proprio elenco di sintomi. Tutto dipende da quali nervi o arterie sono stati colpiti:

  1. Arteria vertebrale;
  2. Copertura cardinale;
  3. Ipertensivo;
  4. Radicolare;
  5. Emicrania cervicale.

Con l'osteocondrosi cervicale, è il primo tipo di condizione che è la più pericolosa e difficile. In questo caso, il flusso sanguigno attraverso l'arteria che alimenta il cervello è ridotto. Questo tipo di complicanza si manifesta in sintomi quali indebolimento della vista, udito, frequenti capogiri, emicranie.

Nel secondo caso, la malattia comprime i nervi del muscolo pettorale. Il paziente può avvertire dolori ricorrenti che assomigliano alla cardialgia. Tuttavia, la malattia non colpisce nemmeno il muscolo cardiaco.

Anche una complicazione ipertensiva è piuttosto pericolosa per la salute. Non ostacola il flusso, ma il deflusso del sangue dalla testa. Ciò porta ad un aumento della pressione sanguigna, mal di testa, nausea, vomito..

La complicanza radicolare è la più comune. Qui i nervi delle vertebre cervicali sono compressi, il che porta a dolore alla parte posteriore della testa, collo, spalle, scapole. Anche il collo e le braccia diventano insensibili.

L'emicrania cervicale si manifesta in un dolore insopportabile nella parte posteriore della testa e vomito. Questo disagio può durare fino a dieci ore..

Spesso vengono identificati diversi tipi di complicanze contemporaneamente. E questa è solo l'osteocondrosi che colpisce l'area cervicale.

Oggi è già possibile distinguere quattro fasi dell'osteocondrosi, che sono caratterizzate da alcune sensazioni di dolore:

  1. Primo stadio.
    È difficile rilevare la presenza della malattia. I pazienti sperimentano solo un lieve malessere, che è spesso attribuito a malattie completamente diverse. Il disagio alla schiena è attribuito a superlavoro, stress, duro lavoro. La malattia in questa fase procede lentamente, per molto tempo e in una forma latente. Spesso è solo durante un esame completo che è possibile rivelare la presenza di questa particolare malattia;
  2. Fase due.
    Le sensazioni di dolore sono più pronunciate, le terminazioni nervose, i vasi, le arterie sono compresse. Il dolore è già abbastanza forte. Pertanto, sono offuscati dalle medicine;
  3. Terza tappa.
    I cambiamenti nella colonna vertebrale sono già evidenti. In questa fase, il paziente avverte già tutta la gravità della malattia. La schiena fa male con l'osteocondrosi così tanto che si diffonde agli arti, si verifica intorpidimento;
  4. Quarta tappa.
    I cambiamenti nella colonna vertebrale sono già irreversibili. Anche con il minimo movimento, il paziente avverte un dolore lancinante.

È in questa fase che molti pazienti diventano disabili..

Eliminazione del dolore nell'osteocondrosi

Vale la pena chiarire subito che i farmaci elencati di seguito non curano. Aiutano solo il paziente a provare dolore.

Per alleviare il dolore moderato tollerabile, è necessario rilassare il più possibile la colonna vertebrale, assumere una posizione orizzontale, mettere i cuscinetti sotto la testa e il collo. È desiderabile piegare le gambe alle ginocchia. Per consolidare meglio questo effetto, è possibile utilizzare farmaci con il minor numero di effetti collaterali legati ai farmaci antinfiammatori non naturali, ad esempio:

  • Indometacina;
  • Piroxicam;
  • Nimesulide;
  • Diclofenac.

Per alleviare il dolore acuto nell'osteocondrosi cervicale, è meglio avvolgere l'area interessata con una coperta. Puoi mettere una bottiglia calda o una piastra elettrica sul punto dolente (attraverso i vestiti) per creare calore. Dopodiché, devi sdraiarti sulla pancia, sul pavimento.

Se c'è dolore nell'osteocondrosi cervicale, è necessaria una stecca speciale in cartone e cotone idrofilo. Se si verificano dolori al petto, è necessario avvolgere strettamente una benda elastica. Un piccolo rullo dovrebbe essere messo sotto la schiena e sotto il ginocchio.

È imperativo prendere antidolorifici, creme e unguenti vengono applicati sul punto dolente soprattutto per l'osteocondrosi. Un metodo eccellente è l'introduzione di iniezioni di novocaina, ma devono essere somministrate rigorosamente su consiglio di un medico. Questo metodo è caratterizzato da una tossicità minima. Non utilizzato solo per intolleranza personale.

Dolore nell'osteocondrosi

Il dolore nell'osteocondrosi si verifica a seguito di processi degenerativi-distrofici dei dischi intervertebrali. Gli attacchi iniziano a causa della compressione delle radici nervose e degli spasmi muscolari, dei processi infiammatori.

Come si sviluppa il dolore

Perché si verifica il mal di schiena? L'osteocondrosi è una malattia che è il pagamento dell'umanità per camminare in posizione eretta. Con l'osteocondrosi, i tessuti cartilaginei dei dischi intervertebrali vengono cancellati, asciugati e deformati. Normalmente, queste strutture articolari servono ad attutire le vertebre, permettendoci di muovere normalmente la colonna vertebrale e poi riportarla nella sua posizione fisiologica. Ma se la molla è consumata, ed è troppo influenzata, si piega e cessa di essere elastica. Ciò accade anche nel caso dei dischi intervertebrali..

Un numero enorme di futuri pazienti con osteocondrosi trascorre molte ore cinque giorni alla settimana seduti davanti al monitor di un computer. E nel tempo libero, molti non cambiano la loro occupazione..

Stare seduti a lungo non causa di per sé la rottura del disco. Ma le persone non si limitano a sedersi a lungo. Non si alzano in piedi, non si riscaldano e inoltre si siedono con la postura sbagliata. Le spalle sono sollevate sopra il collo, la parte bassa della schiena è piegata, le braccia sono pendenti, tutto il corpo è proteso in avanti e la schiena non è appoggiata alla sedia. I muscoli in questa posizione supportano male le vertebre e premono sui dischi intervertebrali.

Complicazioni

Esistono varie complicazioni che influenzano il tipo di dolore che si verifica con l'osteocondrosi. Dopo lo stress cronico, la circolazione sanguigna dei dischi intervertebrali si deteriora e si seccano. E poi è facile esercitare una forte pressione su di loro. Come risultato dei carichi, il disco cambia forma, sporge - una tale complicazione come si verifica la protrusione. E se la membrana del disco nel sito della protrusione si rompe, il contenuto polposo uscirà e si verificherà un'ernia. Molto probabilmente, questo bloccherà la radice nervosa: si verificherà un forte dolore, la trasmissione degli impulsi nervosi peggiorerà.

Un'altra possibile complicazione che causa dolore è la comparsa di osteofiti. A causa del fatto che l'altezza dei dischi nell'osteocondrosi diminuisce, i corpi ossei delle vertebre iniziano a toccarsi, i loro bordi vengono cancellati. Il corpo costruisce nuovo tessuto osseo e queste formazioni sembrano spine. Gli osteofiti toccano costantemente il tessuto cartilagineo, deformandoli. Inoltre, possono anche influire negativamente sui nervi. Il paziente avverte rigidità, movimento limitato.

Attacchi di dolore

Il dolore nell'osteocondrosi può manifestarsi in aree diverse, avere una natura e caratteristiche diverse. Può ferire in modi diversi a seconda di quale regione vertebrale è deformata o quali radici nervose sono pizzicate.

Cosa e dove fa male con l'osteocondrosi? Il dolore può essere localizzato chiaramente oppure può irradiarsi in aree diverse. Quindi, con l'osteocondrosi cervicale, viene somministrato alle mani, con lombare - alle gambe. Il paziente può avvertire dolore ai reni, allo stomaco o al cuore.

Inoltre, la mobilità si deteriora, la sensibilità degli arti superiori e inferiori diminuisce. E se le arterie vertebrali iniziano a subire compressione nell'osteocondrosi, compaiono i sintomi della carenza di ossigeno del cervello. Il peggior quadro possibile si sviluppa con la stenosi (restringimento) del canale spinale e la pressione sul midollo spinale.

Osteocondrosi cervicale

Quando la radice del nervo è compressa nel collo, il dolore si verifica nella regione occipitale. A volte i dolori si irradiano nell'area della corona. La sensibilità della pelle del collo, a volte della lingua, peggiora. Il paziente potrebbe avere difficoltà a parlare. Quando un nervo viene compresso nella regione della 4a vertebra cervicale, la regione clavicolare fa male. In questo caso, il dolore può essere simile a quello cardiaco. Difficoltà a respirare, mancanza di respiro.

I tessuti nervosi vicino alla 5a vertebra causano dolore, che si irradia alla regione del cingolo scapolare. I muscoli delta si indeboliscono, si osserva una parestesia del cingolo scapolare con osteocondrosi.

Nella maggior parte dei casi, la compressione si verifica nell'area della 6a e 7a vertebra. Quando il nervo viene compresso attorno alla sesta vertebra, le sensazioni dolorose vengono trasmesse alla regione scapolare, all'avambraccio, ai palmi. La parestesia tormenta la pelle degli arti superiori. In caso di danni a livello della settima vertebra, fa male dietro il cingolo scapolare, dita doloranti. La sensibilità nelle zone corrispondenti si sta deteriorando. Con una pressione a livello dell'8 °, gli arti superiori nell'area dell'avambraccio soffrono, dai gomiti alle dita. I palmi si stanno indebolendo.

Osteocondrosi toracica

In questa parte della colonna vertebrale, i sintomi dell'osteocondrosi sono meno spesso presenti. I dischi intervertebrali del torace sono protetti dalla struttura ossea delle costole, sono molto inattivi e l'osteocondrosi li colpisce nell'ultimo turno.

Il dolore si manifesta nella regione intercostale, nello sterno, nella parte posteriore, nella parte superiore del peritoneo. Fa male con l'osteocondrosi del torace a volte dal lato. Dopo movimenti improvvisi, sforzo fisico e risveglio mattutino, la sindrome del dolore diventa più forte, insorge rigidità e la sensibilità peggiora. A volte è abbastanza facile allungarsi per far sparire la rigidità.

Nella zona interscapolare, il dolore può tormentare in base al ritmo della respirazione, diventa difficile per un paziente con osteocondrosi inspirare. La frequenza degli attacchi di dolore può essere influenzata dalla pressione atmosferica, dall'umidità e dalle condizioni meteorologiche..

È difficile e doloroso girarsi e piegarsi con l'osteocondrosi della regione toracica, la schiena inizia a far male. Con tali movimenti, i dischi intervertebrali si deformano. I muscoli dorsali della regione toracica subiscono contrazioni spasmodiche che aumentano il dolore e la rigidità.

In molti casi, il dolore nell'osteocondrosi del torace viene preso dal paziente per il cuore. Sembra che il cuore "punge" e i farmaci per il cuore non hanno alcun effetto. Allo stesso tempo, il dolore si irradia spesso allo stomaco o all'intestino; i medici possono persino sospettare un processo infiammatorio degli organi digestivi. Infatti, se le radici nervose che innervano gli organi interni sono sotto pressione e deformazione per lungo tempo, possono iniziare problemi con il lavoro dell'organo corrispondente..

Osteocondrosi lombare

La sindrome del dolore nell'osteocondrosi è concentrata nell'area del disco intervertebrale interessato e si irradia agli arti inferiori, ai glutei. Gli attacchi iniziano dopo una lunga permanenza in posizione statica, sforzi fisici, movimenti improvvisi, sollevamento pesi. A volte peggiora anche dopo aver tossito o starnutito, riso. Ci sono spasmi dei muscoli lombari, dolori lancinanti. La sensibilità degli arti inferiori peggiora, c'è una sensazione di "pelle d'oca che scorre", intorpidimento. I muscoli delle gambe si indeboliscono e si sentono difficili da controllare.

Se c'è una compressione della radice del nervo, il lavoro degli organi pelvici può essere interrotto: il retto, la vescica. Il paziente non può andare in bagno, a causa del liquido in eccesso nel corpo con osteocondrosi, si verifica gonfiore. In alcuni casi, al contrario, soffre l'incontinenza fecale e urinaria, si manifesta una diminuzione della potenza.

Durante il sonno con osteocondrosi lombare, è difficile trovare una posizione comoda, il dolore appare a causa di una posizione statica. Il normale riposo notturno del paziente è compromesso.

Mal di schiena

L'osteocondrosi è caratterizzata da una condizione dolorosa come la lombalgia. Si verifica a causa dell'intrappolamento dei nervi. In questa condizione (che di solito si manifesta dopo movimenti improvvisi e forti carichi), il paziente non può effettuare alcun movimento in una o nell'altra parte della colonna vertebrale. È ostacolato da forti dolori lancinanti e spasmi muscolari. Infatti, la tensione muscolare in questa situazione è solo una reazione di difesa del meccanismo alla deformazione della radice nervosa. Legando i muscoli della colonna vertebrale colpita, il nostro corpo non ci consente di procurarci ancora più danni mediante un'ulteriore compressione del tessuto nervoso.

  • La cervicalgia è chiamata "lombalgia" nell'osteocondrosi cervicale;
  • La toracalgia si manifesta dopo movimenti improvvisi nella zona del torace. Si sente come un attacco di cuore;
  • La lombodinia, o lombalgia della parte bassa della schiena, è ampiamente nota tra le persone. Nella maggior parte dei casi, un attacco di dolore inizia dopo un tentativo di raddrizzarsi;
  • La lumboischialgia è un tipo di lombalgia, in cui spasmo e dolore colpiscono anche gli arti superiori da un lato.

Dopo che un paziente con lombalgia con osteocondrosi fa istintivamente uno sforzo per cambiare la posizione. Sfortunatamente, questo non è necessario: le condizioni dei tessuti nervosi possono solo peggiorare e arriveranno nuovi dolori..

Con dolori lancinanti che si verificano insieme a spasmi e incapacità di muoversi, devi prima prendere la posizione più comoda. Cambiare forzatamente la posizione, inflessione in questi momenti è controindicato. Al contrario, resta per un po 'in una posizione occupata, cerca di rilassare i muscoli della colonna vertebrale colpita.

Quando il dolore è un po 'più facile, cerca di sviluppare i muscoli spasmodici senza intoppi. Per fare ciò, gira la colonna vertebrale malata fino al punto in cui il dolore non si intensifica ancora, ma le sensazioni stanno per diventare più forti. Mantieni questa posizione per un paio di secondi. Rilassati, riprova.

Se hai "lombalgia" in una o nell'altra parte della colonna vertebrale senza una ragione apparente, consulta un medico dopo l'attacco. L'osteocondrosi è più facile da trattare nelle prime fasi. Inoltre, quanto prima iniziano la diagnostica e la terapia, tanto minore è la probabilità di complicanze.

Fame di ossigeno

Con l'osteocondrosi, per vari motivi, può verificarsi la compressione di una delle arterie che trasportano sostanze nutritive e ossigeno al cervello. Possono essere bloccati da un osteofita, una vertebra, una protrusione o un'ernia. Ciò è spesso dovuto a crampi muscolari. Le arterie vertebrali sono progettate in modo tale che se una di esse subisce una compressione, indipendentemente dall'osteocondrosi o da altri motivi, il cervello sopravviverà. Sarà alimentato da un'arteria dall'altra parte, ma in ogni caso ci sarà mancanza di ossigeno e appariranno sintomi spiacevoli..

L'asimmetria delle arterie vertebrali, come qualsiasi attacco di dolore nell'osteocondrosi cervicale, si sviluppa a causa di lunghi carichi statici o movimenti improvvisi. Mal di testa a causa della mancanza di ossigeno e sostanze nutritive.

Il mal di testa nell'osteocondrosi cervicale è accompagnato da un aumento della pressione, salti ipertensivi. I pazienti, dopo aver misurato la loro pressione sanguigna, spesso giungono alla conclusione che hanno bisogno di assumere farmaci che abbassano la pressione sanguigna. Questo è un approccio fondamentalmente sbagliato, che porta a un peggioramento della condizione. Dopo tutto, la pressione sanguigna aumenta in modo che il sangue possa circolare attraverso i vasi sanguigni schiacciati. Sì, la pressione provoca dolore, ma è meglio che affamare l'organo centrale del corpo umano. E se la pressione viene abbassata artificialmente con i farmaci, arrivano i sintomi peggiori.

Se, nonostante l'aumento della pressione, si verifica una carenza di ossigeno nel cervello, il suo lavoro viene interrotto. Il paziente ha un rumore nelle orecchie, macchie scure e luci tremolanti appaiono davanti agli occhi. Nausea e vomito non porta sollievo. Il paziente cade in uno stato di testa leggera, al punto che può perdere conoscenza per un breve periodo.

Per sopprimere i sintomi spiacevoli, è necessario non abbassare la pressione, ma migliorare la circolazione sanguigna nel cervello. I cosiddetti preparati vascolari aiuteranno a far fronte a questo compito. I farmaci di questo tipo aumentano lo spazio all'interno dei vasi o fluidificano il sangue..

Cosa fare al momento di un attacco

Come alleviare il dolore da osteocondrosi? Questa non è una malattia che può essere curata con i soli farmaci. Per rallentare i processi degenerativi-distrofici nei dischi intervertebrali, è necessario cambiare il proprio stile di vita. Per il trattamento del dolore nell'osteocondrosi sono adatti corsi di terapia fisica, nuoto in piscina, massaggi e tecniche di fisioterapia. Dovrai anche cambiare la tua dieta abituale quotidiana, rinunciare a prodotti nocivi. E basta perdere peso per ridurre il carico sulla cartilagine vertebrale.

Ma quando il dolore si blocca e non c'è modo di muoversi normalmente, è troppo presto per pensare a tali cambiamenti nella tua vita. Nei momenti di esacerbazione e attacchi dolorosi, devi prima di tutto rilassarti, prendere una posizione comoda. Elimina tutti i fattori di stress, sia fisici che mentali. Prendi un analgesico o una pillola antinfiammatoria non steroidea. Quando diventa più facile, pensa di andare dal medico: questo è necessario affinché la malattia non si trasformi in uno stadio cronico avanzato.

Con la sindrome del dolore della regione vertebrale, le persone spesso iniziano a usare vari agenti riscaldanti: impacchi, unguenti. Ma l'area interessata dal processo infiammatorio non può essere riscaldata nei primi due giorni dopo l'inizio di un'esacerbazione. Durante questo periodo, sono più adatti prodotti come un impacco freddo o unguenti a base di mentolo. Il freddo rilassa le terminazioni nervose, le distrae dal dolore.

Autore: Petr Vladimirovich Nikolaev

Chiropratico, traumatologo ortopedico, ozonoterapista. Metodi di trattamento: osteopatia, rilassamento post-isometrico, iniezioni intra-articolari, tecniche manuali morbide, massaggio dei tessuti profondi, tecniche di sollievo dal dolore, cranioterapia, agopuntura, somministrazione di farmaci intra-articolari.

Come trattare l'osteocondrosi della colonna lombare?

Come trattare gli osteofiti della colonna lombare?

Cintura lombare per osteocondrosi

Esacerbazione dell'osteocondrosi della colonna cervicale, toracica e lombare

Tipi di dolore nell'osteocondrosi e come trattare

Le 35 vertebre che compongono la colonna vertebrale umana sono divise in 5 sezioni dalla comunità medica. I guasti più comuni si osservano in tre di essi. Pertanto, l'osteocondrosi si verifica:

  • lombare;
  • il petto;
  • cervicale.

Il dolore nell'osteocondrosi della colonna vertebrale, a seconda della posizione, può essere di natura diversa, ma causa ugualmente molti problemi a una persona. Diamo un'occhiata più da vicino a cosa può ferire dall'osteocondrosi.

Sezione della colonna vertebrale. Cervicale.

Cosa fa male e come. A causa di una violazione dell'afflusso di sangue al cervello, si verificherà un mal di testa, che è associato alla sindrome dell'arteria vertebrale. Ha un carattere bruciante, si diffonde dall'occipite alle tempie.
Il tipo di dolore "riflesso" passa lungo le terminazioni nervose dalle vertebre strangolate al cervello. Tali dolori con l'osteocondrosi saranno noiosi, pressanti, sentiti nella corona, nelle tempie e nella parte posteriore della testa.
Si osservano dolori simili all'emicrania, la pressione sanguigna oscilla in modo significativo.

Sezione della colonna vertebrale. Pettorale.

Cosa fa male e come. Dolore alla cintura che si irradia sotto le scapole e le spalle, che letteralmente non consente la respirazione. Spesso, con questo tipo di osteocondrosi, si osserva dolore alle mani.
Se la malattia colpisce maggiormente il lato sinistro, è molto simile agli attacchi di cuore. Nel caso di una lesione del lato destro, fa male, come con la colecistite, cioè nell'ipocondrio destro. Un sintomo caratteristico è l'intorpidimento delle mani, dell'addome, del torace. Il dolore alla schiena nell'osteocondrosi toracica può apparire a causa di inattività fisica, eccesso di peso, scoliosi, troppo stress.

Sezione della colonna vertebrale. Lombare.

Cosa fa male e come. La schiena fa male, le dita delle estremità diventano insensibili, le articolazioni fanno male. La sindrome del dolore aumenta con qualsiasi attività, anche minima. Cercando di ridurre i movimenti, una persona alla fine ottiene rigidità, muscoli atrofizzati. La lombalgia con osteocondrosi compromette notevolmente la qualità della vita.

Dolore nell'osteocondrosi

Parlando del rachide cervicale, è necessario spiegare che sono solo 7 vertebre. Sono sovrapposti l'uno sull'altro sotto forma di piramide, al centro della quale si trova il midollo spinale. La sesta vertebra è unica: un'arteria entra nella sua apertura, portando il sangue ossigenato al cervello. Per evitare che i pezzi della "piramide" si sfregino l'uno contro l'altro, la natura ha previsto degli spaziatori tra di loro, cioè dei dischi intervertebrali. Quando il corpo umano attacca una malattia, queste stesse guarnizioni soffrono..

Di conseguenza, le vertebre sono colpite, il dolore si irradia alla testa, l'afflusso di sangue al cervello peggiora, il che si manifesta con molti segni:

  • nausea;
  • "Pelle d'oca" sulla pelle;
  • dolore agli occhi;
  • sensibilità alla luce e al suono;
  • rumori e ronzio nelle orecchie;
  • disorientamento nello spazio;
  • diminuzione della sensibilità nella clavicola, nella scapola, nella spalla.

L'assunzione di antidolorifici non dà un effetto forte. Se il dolore è inferiore a 15 giorni al mese, la persona ha a che fare con dolore episodico. Altrimenti, si qualificherà come cronico.

Quali possono essere dolore e altri segni di osteocondrosi toracica?

A causa del fatto che i nervi possono essere schiacciati, i polmoni, il cuore e le mani possono ferire. Inoltre, si osservano sintomi:

  • dispnea;
  • rigidità dei movimenti;
  • affaticabilità veloce;
  • spasmi muscolari;
  • nevralgia intercostale;
  • sensazioni acutamente dolorose quando si tossisce, si inala, si ride, si starnutisce;
  • difficoltà nei movimenti del corpo;
  • incapacità di essere in una posizione statica.

Si nota che la malattia è più grave nelle donne che negli uomini.
Per rispondere alla domanda: "Il cuore può soffrire di osteocondrosi?", Dovresti sapere che questa è una sensazione soggettiva di una persona che soffre di questa malattia. Tuttavia, non si dovrebbe diagnosticare se stessi, poiché il "motore" può ancora funzionare male contemporaneamente ai dischi intervertebrali. Ma il dottore deve scoprirlo.

Dolore nell'osteocondrosi della colonna lombare

Questa specie, secondo le statistiche, rappresenta la metà della varietà totale della malattia. E se, con la sua varietà toracica, gli organi soffrono meno, poiché sono circondati e trattenuti dalle costole, allora il quadro è completamente diverso con la parte bassa della schiena. Ci sono molte terminazioni nervose qui, quindi il dolore sarà forte e acuto. Possibilmente acuto, subacuto e cronico. La sindrome del dolore acuto con osteocondrosi lombare è chiamata lombalgia o lombalgia. Allo stesso tempo, una persona, come si suol dire, non sospira né geme, la parte bassa della schiena brucia o diventa insensibile. La durata può essere fino a una settimana e di tanto in tanto, se una persona è troppo raffreddata, gira bruscamente, lavora fisicamente a lungo, può visitare di nuovo e continuare per un mese intero. C'è irradiazione nella gamba, nella natica, nell'osso sacro.

Cosa può ferire dall'osteocondrosi

Per rispondere brevemente a questa domanda, quindi, a seconda di quale parte della colonna vertebrale è interessata, quasi ogni organo o parte del corpo può ferire. Con l'osteocondrosi, la natura della sindrome del dolore può spesso assomigliare a molte malattie degli organi interni, e accade che provino a curare il paziente da loro, e nel tempo si scopre che l'intera cosa è nella colonna vertebrale.
Dove fa male con l'osteocondrosi - è diventato chiaro. La domanda è: cosa fare? Il trattamento di questa malattia dovrebbe essere completo, mirato a risolvere diversi problemi. Quindi è necessario:

  • fermare la sindrome del dolore;
  • aiutare a ripristinare la mobilità dei dischi intervertebrali;
  • ripristinare la capacità della persona di muoversi in modo indolore e nella massima misura.

Sono disponibili molti trattamenti. Quale usare dipende dalla salute del paziente, da quale parte della colonna vertebrale è interessata, dalla gravità della malattia.
In ogni caso ricorrono a:

  • prendere farmaci;
  • fare blocchi;
  • attribuito alla fisioterapia;
  • sviluppare una dieta;
  • raccomandare la terapia manuale;
  • metodi di medicina alternativa;
  • insistere nel fare esercizi di terapia fisica.

Tutte le malattie della colonna vertebrale hanno un effetto estremamente grave sullo stato di salute generale. Pertanto, non è ragionevole intraprendere passi indipendenti cercando di sbarazzarsi dell'osteocondrosi. La colonna vertebrale può essere considerata attendibile esclusivamente da specialisti altamente qualificati.

Top