Categoria

Messaggi Popolari

1 Gotta
Alflutop - istruzioni, composizione del farmaco, indicazioni e controindicazioni, effetti collaterali
2 Riabilitazione
Forte dolore alla schiena
3 Polso
Ipertensione con osteocondrosi cervicale: trattamento
Image
Principale // Massaggio

Terapia fisica per danni al menisco del ginocchio


Il ginocchio è spesso ferito. La lesione del menisco è un problema comune. Ciò è dovuto a infortuni sportivi, movimenti improvvisi e cambiamenti legati all'età. Vari metodi sono usati per trattare la patologia. Uno dei principali metodi di terapia è la terapia fisica per il menisco del ginocchio..

Il ruolo dell'educazione fisica nel danno al menisco

La ginnastica correttiva è uno dei principali metodi di recupero del menisco dopo un infortunio. Consente all'articolazione del ginocchio di muoversi di nuovo completamente. L'efficacia dell'esercizio è la seguente:

  • alleviare il dolore;
  • normalizzazione della circolazione sanguigna;
  • aumento del tono muscolare delle gambe;
  • riabilitazione della capacità motoria del ginocchio.

La terapia fisica per il danno al menisco viene prescritta ai pazienti 3 settimane dopo l'infortunio, se è stato effettuato un trattamento farmacologico, o dopo 2 mesi, se è stata eseguita un'operazione.

Le regole degli esercizi di fisioterapia

Per la massima efficacia della terapia fisica in caso di danni al menisco, i pazienti aderiscono a determinate regole. Questi includono:

  • Fluidità del movimento durante l'esercizio.
  • Aumento graduale del range di movimento durante gli esercizi di flessione ed estensione dell'arto inferiore.
  • Interrompi l'esercizio in caso di dolore o fastidio al ginocchio.
  • La regolarità dell'esecuzione della terapia fisica per diversi approcci al giorno.
  • Riscaldare i muscoli prima di fare ginnastica e rilassarsi dopo.

Il mancato rispetto di tali semplici raccomandazioni porta ad un aggravamento della patologia e ad un deterioramento delle condizioni generali del paziente.

Programma a fasi

Una serie di esercizi per il menisco dell'articolazione del ginocchio è sviluppata esclusivamente da uno specialista. Di solito le classi sono divise in 3 fasi, che differiscono per complessità: il carico dovrebbe aumentare gradualmente.

stato iniziale

Ciò include gli esercizi per le gambe più leggeri per aiutare il ginocchio ad adattarsi all'attività fisica. La terapia fisica include le seguenti azioni:

  1. Siediti sul pavimento, piega gli arti alle ginocchia, muovi i piedi il più lontano possibile. Quindi stringere i muscoli glutei, trattenendo per 5 secondi, quindi rilassarsi e ripetere altre 10 volte.
  2. Sdraiati sulla schiena, metti un rullo sotto il ginocchio interessato. Cerca di allungare il più possibile la gamba, appoggiandoti al rullo. In una forma estesa, fissa l'arto per 5 secondi, rilassati e fai altri 10 esercizi.

Fase intermedia

In questa fase, le lezioni sono più difficili. I pazienti fanno quanto segue:

  1. Sdraiati sul pavimento, posiziona un rullo sotto il ginocchio danneggiato. Allo stesso modo dell'esercizio precedente, piega l'arto, ma con il peso. Per fare questo, dovrai utilizzare un articolo il cui peso viene aumentato gradualmente nel corso di un mese, a partire da 400 ge termina con 2 kg. Attacca il peso alla caviglia. Fai l'esercizio 10 volte.
  2. Stai dritto su entrambe le gambe e inizia ad accovacciarti. Raggiungendo un angolo di 90 gradi tra la coscia e la parte inferiore della gamba, indugiare per 5 secondi, quindi tornare lentamente alla posizione di partenza. Fai l'esercizio 10 volte.
  3. Mettiti in piedi su una gamba sana e piega quella interessata al ginocchio e tira il tallone verso i glutei. Non appena si avverte un allungamento muscolare, fissare la posizione per 5 secondi e abbassare gradualmente l'arto. Fai l'esercizio 10 volte.

La fase finale

Le lezioni richiedono uno sforzo maggiore, quindi iniziano con articolazioni già preparate. Il complesso include azioni:

  1. Stare su un arto dolorante, piegarne uno sano ed eseguire squat, ma non profondi e non acuti. Fallo almeno 10 volte.
  2. Salite le scale usando la gamba ferita.

Periodo di immobilizzazione

Dopo un danno al menisco, l'articolazione viene immobilizzata. Questo processo è chiamato immobilizzazione. Il suo scopo è prevenire lo spostamento dei tessuti interessati e fornire riposo alla gamba per la piena fusione della cartilagine..

Le ortesi o le ginocchiere vengono utilizzate per immobilizzare. La scelta del prodotto dipende da quanto gravemente è stato danneggiato il menisco. Se il medico ha impostato i frammenti, sarà necessario applicare una stecca o un calco in gesso.

Come eliminare il dolore?

Per alleviare il dolore, l'edema e l'infiammazione durante l'immobilizzazione, vengono utilizzati corticosteroidi, farmaci antinfiammatori non steroidei. Unguenti per alleviare il dolore e rinfrescare vengono utilizzati anche per la gamba ferita..

Puoi anche far fronte al dolore con l'aiuto delle ricette della medicina tradizionale. Per fare questo, fai delle compresse di notte. Le foglie di bardana, il miele, la pappa di cipolla e l'alcol sono usati come agenti curativi..

Periodo di postimmobilizzazione

Dopo l'immobilizzazione della gamba, i pazienti devono anche fare esercizi. Una serie di lezioni viene sviluppata da uno specialista a seconda che una persona voglia praticare sport in futuro o che abbia solo bisogno di tornare alla vita normale..

Ginnastica per la riabilitazione funzionale

Per ripristinare l'arto inferiore dopo l'intervento chirurgico, viene utilizzata la seguente serie di esercizi:

  • Alzati, piega il ginocchio e ruota la parte inferiore della gamba.
  • Sdraiati, appoggiati sui gomiti, la parte posteriore della testa e una gamba sana piegata all'altezza dell'articolazione del ginocchio. Quindi sollevare dolcemente il bacino e piegare l'arto ferito all'altezza del ginocchio.
  • Siediti, solleva la palla usando i piedi.
  • Fai degli squat.

Inoltre, i pazienti camminano per l'ospedale usando le stampelle per controllare l'andatura corretta.

Recupero della forza muscolare

Oltre all'articolazione, i pazienti eseguono anche esercizi per il normale funzionamento dei tessuti muscolari delle gambe. Durante il trattamento, i muscoli si rilassano e perdono la loro precedente resistenza. Per ripristinarli, sono necessari esercizi:

  1. Il piede è posto su una sedia, il ginocchio è piegato con un angolo di 90 gradi e si piega in avanti e di lato, piegando l'articolazione del ginocchio.
  2. Stare con le spalle al muro, sedersi fino a quando il ginocchio non è ad angolo retto e rimanere in questo stato per 10 secondi.
  3. Sdraiati sulla schiena, premi i piedi contro il muro e falli scivolare sulla superficie, piegando il ginocchio.

Oltre a fare esercizio, camminare, andare in bicicletta, nuotare aiuta a ripristinare i muscoli..

Raccomandazioni per i pazienti

Affinché la funzionalità della gamba dolorante si riprenda più velocemente, è necessario seguire tutte le raccomandazioni del medico curante. Ciò contribuirà a ridurre al minimo il periodo di riabilitazione e tornare a una vita piena..

I medici consigliano ai pazienti:

  1. Allenarsi regolarmente.
  2. Non fare il bagno con acqua calda.
  3. Mangia bene per tenere sotto controllo il peso corporeo. Mangia più verdura, frutta, pesce, latticini. Non mangiare grassi e carboidrati.
  4. Prendi le vitamine.

Seguendo tutte le raccomandazioni del medico, il paziente affronterà più facilmente la patologia dell'articolazione del ginocchio della gamba. Infatti, nel trattamento, è importante non solo l'esperienza del medico, l'efficacia dei farmaci e delle tecniche chirurgiche, ma anche la partecipazione attiva del paziente al processo riabilitativo..

Esercizi di terapia ricostruttiva per lesioni o rottura del menisco del ginocchio

Le articolazioni umane sono strutture complesse, perché sono in grado di far eseguire al nostro corpo quasi tutti i movimenti. Ciò è particolarmente vero per le articolazioni del ginocchio, che sono regolarmente soggette a carichi pesanti. Lesioni o rotture dell'articolazione del ginocchio sono un fenomeno piuttosto spiacevole che in alcuni casi richiede un intervento chirurgico. Un ruolo importante è svolto dagli esercizi per il menisco dell'articolazione del ginocchio, che consentono di ripristinare l'elemento danneggiato.

A proposito del menisco del ginocchio

I menischi sono strutture cartilaginee che si trovano nella cavità dell'articolazione del ginocchio e forniscono la sua mobilità, agiscono come stabilizzatori e ammortizzatori. Questa disposizione consente al ginocchio di sopportare normalmente carichi pesanti e non essere limitato nei movimenti..

Normalmente, ci sono due di tali strutture nell'articolazione del ginocchio: interna ed esterna, e sono collegate da un legamento trasversale nella sezione anteriore.

Quello esterno è più soggetto a traumi, poiché è più mobile e si trova vicino al bordo dell'articolazione. Se il menisco è lacerato, l'operazione deve essere eseguita il prima possibile..

Un gran numero di fattori può portare a una violazione dell'integrità dell'articolazione, inclusi i seguenti:

  • In caso di lesioni, le ossa della parte inferiore della gamba si muovono in direzioni diverse.
  • Con grave iperestensione del ginocchio.
  • Forte impatto sull'area del ginocchio, come la collisione di una persona con un'auto.
  • Caduta normale della gamba piegata.
  • Se il ginocchio è stato ferito in precedenza, il menisco potrebbe non guarire correttamente o completamente e essere nuovamente danneggiato da movimenti goffi.
  • Sullo sfondo dello sviluppo di una serie di malattie (reumatismi, gotta), che provocano la distruzione della placca cartilaginea.

Un forte dolore si verifica quando il ginocchio è ferito. La particolarità del danno al menisco è che la violazione della sua integrità provoca una forte limitazione della mobilità degli arti. Inoltre, c'è un pronunciato gonfiore, aumento della temperatura locale, rigidità.

Le articolazioni possono essere trattate sia con mezzi conservativi che chirurgici. In alcuni casi, la chirurgia è indispensabile.

L'intervento chirurgico è un metodo estremo, indicato in caso di rottura di grandi dimensioni, rottura in più parti piccole e grandi, schiacciamento del tessuto alimentare e anche quando le misure di terapia conservativa sono inefficaci.

L'operazione può essere eseguita a cielo aperto o endoscopicamente. Quest'ultima, nota come artroscopia del menisco, è più sicura e di solito è la scelta preferita..

Periodo di riabilitazione

Il recupero dopo l'intervento dura almeno due mesi. Implica una combinazione di farmaci, fisioterapia ed esercizio fisico dopo l'artroscopia del menisco. Per una riabilitazione di successo, è necessario osservare le seguenti raccomandazioni:

  • Quando si cammina, è necessario utilizzare un supporto aggiuntivo: un bastone o delle stampelle.
  • Aumenta gradualmente il carico sulla gamba interessata. L'esercizio fisico regolare per lesioni al menisco aiuta a riparare muscoli e legamenti.
  • Dopo che il corpo si è adattato alle nuove strutture, vengono utilizzate ortesi per mantenerle in buona forma, che proteggono il ginocchio e lo fissano nella posizione corretta..
  • Gli esercizi terapeutici completi dovrebbero essere eseguiti da 6-7 settimane.

Dopo la rimozione del menisco, la riabilitazione sarà più lunga, poiché il corpo non si adatta immediatamente ai tessuti estranei.

Ulteriore riabilitazione prevede l'adesione a un regime delicato per le ginocchia, una dieta speciale, un esercizio regolare che aiuta i tessuti a recuperare.

Esercizi dopo una lesione al menisco del ginocchio

A seguito di traumi e immobilizzazione prolungata dell'articolazione, si verificano cambiamenti funzionali e morfologici. L'esercizio per il menisco del ginocchio infortunato aiuta a prevenire la congestione, alleviare gli spasmi muscolari e prevenire la contrattura articolare.

Immediatamente dopo l'infortunio, le articolazioni richiedono l'immobilizzazione. Ciò consente di prevenire lo spostamento dei tessuti danneggiati e creare condizioni idonee per la fusione della cartilagine. La terapia primaria si concentra sull'alleviare il dolore e il gonfiore.

Mentre l'articolazione è immobilizzata, le attività includeranno:

  • esercizi generali di sviluppo per diversi gruppi muscolari;
  • riscaldamento di un arto sano;
  • tensione isometrica e rilassamento dei muscoli della gamba ferita.
  • ritardo degli arti in posizione abbassata o sollevata.

Nella seconda fase della riabilitazione, gli esercizi a seguito di danni al menisco vengono eseguiti in modo delicato con un aumento graduale dei carichi e della mobilità. Gli allenamenti iniziali aiutano ad aumentare la tua libertà di movimento. Quando il 30-40% della capacità motoria del ginocchio viene ripristinato, l'allenamento è completato da esercizi che aiutano ad aumentare la forza muscolare.

Nel periodo di postimmbolizzazione, i complessi includono:

  • esercizi di coordinazione che consentono di ripristinare il controllo sui tessuti muscolari della gamba interessata;
  • migliorare la flessibilità in modo che l'articolazione del ginocchio possa estendersi completamente.
  • esercizi per sviluppare la resistenza e la forza muscolare. In questo caso, viene prestata maggiore attenzione al muscolo quadricipite della coscia e ai muscoli posteriori della parte inferiore della gamba;
  • esercizi di stretching e forza;
  • formazione di un'andatura naturale.

La ginnastica terapeutica approssimativa per un menisco del ginocchio rotto nel periodo di riabilitazione funzionale dopo l'intervento chirurgico può essere la seguente.

La parte introduttiva viene eseguita in posizione supina:

  • Le mani sono posizionate sulla testa, le dita sono bloccate. Raddrizza le braccia mentre inspiri e abbassale mentre espiri. Fai 3-4 ripetizioni.
  • Ad un ritmo medio, la flessione della caviglia viene eseguita nelle direzioni dorsale e plantare. Vengono eseguiti movimenti circolari (15-18 ripetizioni).
  • Palla medica lanciata e presa 15-18 volte.
  • L'arto ferito e sano si alza alternativamente (12-14 volte).

La parte principale della ginnastica con un menisco del ginocchio rotto comprende i seguenti esercizi:

  • Sdraiati sui gomiti, dietro la testa e sulla gamba buona piegata. Solleva delicatamente il bacino. La gamba dolorante non può essere strappata dal pavimento, ma piegala solo all'altezza del ginocchio. 4-7 ripetizioni.
  • Concentrati sulle mani e sul ginocchio buono. Sollevare e indietreggiare l'arto colpito e riportarlo delicatamente nella posizione flessa (6-9 ripetizioni).
  • Siediti dolcemente sui talloni a quattro zampe (6-9 ripetizioni).
  • Siediti su una sedia, afferra e sposta piccoli oggetti con le dita dei piedi. Fai 14-17 ripetizioni.
  • 7-9 sollevamento palla medica con i piedi.
  • 5-7 pieghe dell'asciugamano.
  • Devi sederti lentamente, abbassare il bacino sul pavimento e appoggiarti sul bordo della sedia con le mani, 5-7 ripetizioni.
  • Al muro della ginnastica, devi afferrare la barra con le mani a livello del petto. Ruota i piedi dai talloni alle dita dei piedi, 13-17 ripetizioni.
  • Il piede della gamba ferita viene posizionato su una palla medica e rotolato in diverse direzioni.
  • Per controllare l'andatura corretta, il paziente cammina per l'ufficio con le stampelle.

Infine, vengono eseguiti esercizi di respirazione ed esercizi di rilassamento muscolare..

La fase successiva è il recupero e l'allenamento. Inizia solo quando tutti gli obiettivi ai livelli precedenti sono stati raggiunti. La ginnastica con danni al menisco del ginocchio includerà già azioni più complesse, vicine ai movimenti naturali. Possono essere aggiunti esercizi di potenziamento muscolare che implicano movimenti statodinamici delle gambe. Possono anche essere mostrate le attività del trampolino con azione inerziale.

In questa fase, gli esercizi di fisioterapia mirano ai seguenti obiettivi:

  • Sviluppo della resistenza e della forza dei tessuti muscolari della parte inferiore della coscia. A tal fine vengono utilizzati movimenti di potenza e coordinazione..
  • Raggiungi una flessione del ginocchio di 60 gradi.
  • Migliorare la sensibilità del ginocchio, per il quale viene utilizzato l'allenamento dell'equilibrio.
  • Preparare i muscoli per le attività di corsa, che possono essere raggiunte con esercizi di affondo.
  • Garantire l'andatura corretta e la capacità di correre.
  • Ritorno del volume muscolare della gamba ferita al livello dell'arto sano.
  • Formazione dello stereotipo di atterraggio corretto durante il salto.

Durante il periodo di recupero, gli esercizi dopo l'intervento chirurgico al menisco del ginocchio richiedono fino al 75% dell'intero programma.

Una serie di esercizi per ripristinare la forza muscolare

  • Mentre sei sdraiato sul pavimento, il piede viene premuto contro il muro. I piedi vengono fatti scivolare verso il basso e l'articolazione del ginocchio è piegata.
  • Il piede dell'arto malato è posto su una sedia, il ginocchio è piegato ad angolo retto. Si piega in avanti con la flessione dell'articolazione.
  • Un peso è attaccato alla caviglia della gamba interessata. Devi sederti sul tavolo: le cosce sono sulla sua superficie, le gambe pendono. La gamba è raddrizzata e abbassata, in ogni posizione è necessario soffermarsi per 10 secondi.
  • Stai con la schiena contro il muro. Piega le gambe, fai scorrere la schiena verso il basso, mantieni la posizione per 10 secondi. Gradualmente questa volta aumenta.
  • Una benda elastica è fissata attorno alle gambe della sedia. Devi sederti su una sedia, spingere il piede sulla benda nella direzione posteriore.
  • Siediti sul pavimento con le ginocchia piegate e i piedi uniti. Le mani devono premere sulle gambe.

Man mano che la condizione migliora, la ginnastica dopo l'intervento chirurgico al menisco del ginocchio può essere completata da jogging lento, nuoto, esercizio su una cyclette..

Il complesso dovrebbe essere selezionato individualmente da un medico. Deve selezionare gli esercizi dopo l'artroscopia del ginocchio, tenendo conto se è stata eseguita una resezione parziale o completa del menisco. Inoltre, per ripristinare rapidamente la mobilità articolare e la riabilitazione, è possibile collegare le classi in acqua calda. Ma i bagni troppo caldi dovrebbero essere evitati. Il medico può prescrivere una dieta speciale che sarà arricchita con fibre, collagene, condroitina. Si consiglia di appoggiarsi a latticini, verdure, pesce di mare, frutti di mare.

Ricorda che la partecipazione di un medico è molto importante nella riabilitazione di un menisco danneggiato, aderisci a tutte le sue raccomandazioni e quindi sarai in grado di tornare rapidamente alla normale attività.

Esercizi di fisioterapia per lesioni al menisco del ginocchio rotto

La riabilitazione delle lesioni al ginocchio è un processo complesso, il cui risultato dipende da diversi componenti. L'uso della terapia fisica per le lesioni del menisco del ginocchio è una condizione indispensabile per il successo del recupero e gli esercizi per le lesioni del menisco dovrebbero essere eseguiti con l'uso indispensabile di altri metodi..

La medicina ha un arsenale di tecniche di riabilitazione, create da specialisti famosi come Bubnovsky, e squadre mediche di centri di ricerca e riabilitazione, popolari e grandi, come Paveletsky. I complessi di terapia fisica per lesioni al ginocchio e al menisco sono stati sviluppati non solo per atleti e artisti, ma anche per trattare le lesioni domestiche, la cui prevalenza nella vita di tutti i giorni è una percentuale piuttosto significativa.

È possibile danneggiare il menisco non solo durante l'esposizione traumatica, ma anche a causa dello stress prolungato che cade sull'ammortizzatore cartilagineo durante l'esecuzione di un lavoro fisico costante, carico prolungato e pesante.

L'articolazione del ginocchio svolge un ruolo enorme nel garantire l'attività motoria umana; un danno ad essa può portare alla completa disabilità. Pertanto, per la sua riabilitazione, viene utilizzato un metodo completo, in cui il chirurgo ortopedico include massaggio, terapia fisica e ginnastica e trattamento farmacologico per ripristinare completamente l'articolazione danneggiata..

Metodi di trattamento e loro brevi caratteristiche

L'ortopedia moderna ha due metodi principali per il trattamento delle lesioni del menisco: operativa e conservativa.

In precedenza, il menisco era considerato un segmento praticamente inutile e la classica chirurgia per trauma consisteva quasi sempre. per eliminarlo. Tuttavia, poi si è scoperto che la rimozione dell'ammortizzatore cartilagineo porta allo sviluppo di patologie combinate, di cui l'artrite e l'artrosi non erano le conseguenze più gravi..

La resezione eseguita, accompagnata da una significativa invasività, iniziò gradualmente a essere sostituita dall'artroscopia. Questo è un metodo più locale e moderno, eseguito utilizzando attrezzature moderne, in cui l'invasione è limitata a un'incisione cruciforme.

La questione della terapia conservativa per la parte danneggiata del ginocchio viene sollevata nei casi in cui vi è una distorsione, il legamento non è danneggiato o l'operazione non può essere eseguita per nessun motivo. Ma anche il periodo postoperatorio di ripristino della funzionalità, la lacerazione del menisco e il danno non operato al corno mediale e persino una grave contusione del segmento articolare quando si gioca a calcio, suggeriscono che verrà utilizzato l'intero arsenale di mezzi disponibili, e non solo esercizi fisici..

L'esercizio a seguito di un danno al menisco è estremamente importante, una persona può essere completamente immobilizzata se il trattamento appropriato non viene eseguito secondo tutte le regole del protocollo.

Terapia conservativa delle lesioni traumatiche

Le fasi del ripristino del menisco, non importa, dopo l'operazione o dopo l'eliminazione delle conseguenze per immobilizzazione, sono divise in passive e attive, che vengono eseguite in più fasi.

Il periodo di recupero dopo l'infortunio va da uno e mezzo a 2 mesi, la riabilitazione dopo l'intervento chirurgico può durare da 1,5 a tre. In ogni caso vengono prese in considerazione tutte le componenti, che certamente comprendono la categoria di età, l'occupazione prima dell'infortunio, i sintomi e la natura dell'infortunio, l'intenzione di tornare o non tornare allo stile di vita precedente..

La fase attiva implica movimento, il cui grado aumenta con l'uso di tutti i metodi di allenamento esistenti. Rafforzare i muscoli, ripristinare il loro tono, acquisire la stessa forma fisica include i seguenti metodi:

  • una serie di esercizi fisici terapeutici (terapia fisica);
  • fisioterapia;
  • corso di massaggio;
  • fisioterapia;
  • irudoterapia e altri metodi alternativi;
  • training statico-dinamico (simulatori).

Un noto specialista nella riabilitazione delle patologie articolari, il dottor Bubnovsky, parlando del menisco dell'articolazione del ginocchio, ha affermato che anche i cambiamenti degenerativi legati all'età nel tessuto cartilagineo, che spesso sono la causa del suo danno, possono essere trattati senza farmaci se viene utilizzata una tecnica speciale. Sergey Mikhailovich ha sviluppato complessi unici per la riabilitazione delle articolazioni. I metodi di recupero con trattamento conservativo e gli esercizi di Bubnovsky per l'articolazione del ginocchio dopo la chirurgia del menisco sono ampiamente utilizzati nelle cliniche di tutto il mondo..

Ci sono anche numerosi video sulla terapia fisica per un menisco del ginocchio rotto, che possono essere utilizzati come ausili per l'autoapprendimento..

Esercizi per aiutare a ripristinare la funzione del ginocchio

Va ricordato che si consiglia di iniziare la terapia fisica dopo 2-3 settimane, a condizione che il trattamento sia conservativo. Se è stato eseguito un intervento chirurgico, è meglio attendere in media 2 mesi. In generale, dovresti concentrarti sulle raccomandazioni del medico curante.

Per riprendere la mobilità, puoi eseguire i seguenti esercizi:

  1. Posizione di partenza: seduti su un divano, i piedi non devono toccare il pavimento, un arto sano - sotto il paziente. Con grande cura, entrambe le gambe vengono raddrizzate..
  2. Questo esercizio richiede un tapis roulant impostato sulla modalità lenta. Il paziente si muove nella direzione principale opposta. In questo caso, i piedi sembrano rotolare, ad es. passare dalle dita dei piedi al tallone.
  3. Squat: si consiglia di farlo più vicino alla fine del periodo di riabilitazione. Viene eseguito con una leggera inclinazione all'indietro. Profondità: massima.
  4. Allenamento con fascia elastica fissata alle spalliere ad un'altezza di 25 cm da terra. Il nastro deve essere lungo almeno 2 m. Va fissato in modo da ottenere un cappio lungo 1 m. La distanza dal paziente al muro è di mezzo metro. Il cappio viene posizionato su un arto sano nella zona della caviglia. Le ginocchia sono leggermente piegate, il busto stesso è raddrizzato. Un arto sano fa oscillazioni di lato.
  5. Si raccomanda anche di saltare su una gamba sola per l'esecuzione alla fine del periodo di riabilitazione. L'essenza dell'esercizio: il paziente salta in diverse direzioni da una linea retta (puoi disegnarlo o usare un largo nastro posato sul pavimento).
  6. Corsa laterale.
  7. Alzare le gambe piegate da una posizione prona.

Gli obiettivi del trattamento conservativo nel periodo di riabilitazione

La fase attiva del recupero riabilitativo dopo una rottura del menisco è convenzionalmente suddivisa in periodi di tempo: la 1a da 2 settimane a un mese, la seconda da un mese a 2. Lo scopo dei metodi applicati è ottenere:

  • propriocezione, ovvero ripristino del controllo sui muscoli femorali attraverso esercizi di forza e coordinazione (metodi e strumenti possono essere visti nelle illustrazioni e nei video);
  • ripristino della capacità della gamba di fungere da supporto (la forza muscolare e la resistenza si sviluppano in relazione ai carichi statici (complesso di allenamento fisico e terapia fisica);
  • ripresa della piena estensione dell'articolazione danneggiata (i metodi utilizzati sono l'educazione fisica e gli esercizi di flessibilità);
  • mobilizzazione dei tessuti molli e dell'apparato legamentoso (i suddetti esercizi e metodi di massaggio terapeutico, se necessario, agopuntura);
  • raddrizzare e riprendere l'andatura normale (dopo che gli obiettivi originali sono stati raggiunti).

Per tutto questo tempo, un massaggiatore è un must. Il suo compito è massaggiare l'aureola meniscale, osservare l'andamento della fase riabilitativa, ripristinare e riscaldare i tessuti molli, aumentare la circolazione sanguigna, aumentare la funzionalità dell'apparato legamentoso e delle terminazioni nervose. Ciò è necessario per correggere i guasti funzionali e prevenire la possibile rottura dei legamenti che hanno perso la loro flessibilità nel periodo statico e possono essere danneggiati..

La tecnica di Dokalin, che ha ricevuto numerose recensioni entusiastiche, prevede l'uso di successo di tale riabilitazione dopo operazioni minimamente invasive e anche dopo endoprotesi..

Utilizzando la terapia di massaggio

Il massaggio per il trauma è una cultura molto speciale che aiuta a ripristinare completamente un menisco danneggiato, che semplicemente non può essere relegato in secondo piano. Perché la sua applicazione è suddivisa in tre fasi e comprende il periodo di riabilitazione precoce postoperatoria, e il periodo di recupero effettivo, e le misure necessarie anche quando il paziente è tornato alla vita quotidiana e si considera sano. Solo utilizzando procedure di massaggio professionali e corsi di trattamento e riabilitazione, puoi completamente:

  • eliminare o prevenire le contratture articolari;
  • ripristinare l'afflusso di sangue ai tessuti molli;
  • stimolare la funzione muscolare e la contrattilità dei muscoli della coscia;
  • ridurre il liquido sinoviale nella capsula articolare e prevenire l'aumento della pressione;
  • riabilitare i muscoli e garantire le loro prestazioni precedenti.

Un massaggio professionale viene eseguito da uno specialista. Esistono tecniche speciali per ogni fase del trattamento conservativo e vengono eseguite utilizzando unguenti riscaldanti e speciali sfregamenti, in combinazione con applicatori termali o bagni non caldi. Tutte le attività, dai semplici esercizi fisici e l'allenamento statico-dinamico, ai corsi di massaggio e ai successivi allenamenti, vengono svolte con un rigoroso monitoraggio medico, prescrizione del dosaggio e studio delle condizioni del paziente.

Per questo vengono utilizzate immagini a raggi X, elettromiografia, miotonometria, con l'aiuto di cui vengono misurati i muscoli della schiena e dell'addome, test funzionali sviluppati da specialisti. Solo in tali condizioni, il ripristino del menisco avrà successo e il paziente sarà in grado di tornare al servizio..

Come viene eseguito il massaggio nel primo periodo postoperatorio

L'intervallo di tempo va da 8 a 10 giorni. Durante questo periodo, c'è un processo infiammatorio locale, accumulo di sangue e liquido sinoviale. Le prime sedute di massaggio vengono eseguite il giorno 2 o 3. La procedura dovrebbe essere avviata con una gamba sana. Il paziente deve essere in posizione supina, l'arto è sollevato e si trova sull'anca del massaggiatore. Quindi lo specialista può massaggiare contemporaneamente sia la parte posteriore che quella anteriore della coscia..

Tecniche consigliate in ordine di esecuzione:

  • accarezzare (da 8 a 10 volte);
  • spremere con il bordo del palmo (da 4 a 5 volte);
  • accarezzare (4-6 volte);
  • impastamento ordinario (5-7 volte);
  • accarezzamento longitudinale alternato (4-6 volte);
  • impastamento longitudinale (4-6 volte).

In conclusione, usa la tecnica delle carezze.

Prima di iniziare a massaggiare i muscoli tibiali anteriori, è necessario estendere l'arto operato; un asciugamano arrotolato viene posto sotto la parte interna dell'articolazione del ginocchio. La prima tecnica è combinata accarezzare, prestare sopravvivenza con il bordo del palmo, accarezzare, impastare (usando il bordo del palmo e la punta delle dita), spremere, impastare ripetutamente con il bordo del palmo. Alla fine - carezze combinate. Il complesso dato deve essere ripetuto 5 volte e tornare a massaggiare la coscia. In totale, dovrebbero essere eseguite 2-3 ripetizioni..

Importante: non massaggiare il ginocchio nel primo periodo postoperatorio per evitare lo sviluppo di sinovite e altre complicazioni..

Il 4 ° giorno dopo l'operazione, il numero di azioni di ciascuna tecnica aumenta. Inoltre, è collegato il massaggio dei muscoli glutei, che viene eseguito prima e dopo l'esercizio. La tecnica presuppone che il paziente assuma una posizione prona.

Tecniche consigliate:

  • carezze alternate longitudinali;
  • spremitura longitudinale;
  • impastamento a doppio anello;
  • "Doppio collo";
  • spremitura;
  • re-doppio anello impastare;
  • scuotendo e accarezzando.

Il numero di ripetizioni in ogni ricezione è di circa 5. Il massaggio viene eseguito su entrambi gli arti. Quindi il paziente si sdraia sulla schiena e massaggia l'area femorale dell'arto operato. Tutte le tecniche vengono eseguite con una mano, l'altra sostiene l'articolazione del ginocchio. Vengono applicati spremitura longitudinale, impastamento ordinario, carezze, spremitura. Azioni finali: ripetuti impasti e carezze ordinarie.

Massaggiare durante il periodo di recupero

Inizia dal 10 ° giorno dopo l'intervento. I pazienti hanno mobilità limitata dell'articolazione del ginocchio, debolezza dell'apparato muscolare della regione femorale. A causa del fatto che il processo infiammatorio non ha più segni pronunciati, è consentito massaggiare l'articolazione del ginocchio.

Il massaggio viene eseguito con le tecniche di cui sopra. La differenza principale è che l'intensità e la durata aumentano. Inoltre, l'uso di unguenti riscaldanti è obbligatorio..

Raccomandazioni ed esercizi di base per la terapia fisica per danni al menisco del ginocchio

Il menisco funge da ammortizzatore e stabilizzatore per l'articolazione del ginocchio. Protegge la cartilagine articolare dallo stress eccessivo, distribuisce il liquido sinoviale nella cavità del ginocchio e compensa lo squilibrio tra le superfici articolari del femore e della tibia. Dopo un infortunio, il menisco cessa di svolgere le sue funzioni, il che porta a una ridotta attività motoria dell'arto (l'articolazione del ginocchio diventa inattiva).

La terapia fisica dopo la lesione del menisco del ginocchio fornisce un recupero intensivo dell'arto ferito. Con esercizi regolari, le funzioni fisiologiche del paziente sono normalizzate al massimo. Un programma di terapia fisica correttamente progettato aiuta a ripristinare la resistenza e la flessibilità dell'articolazione del ginocchio, prevenendo lo sviluppo di processi degenerativi.

Tecnica di rafforzamento del ginocchio

Il processo di riabilitazione per la lesione del menisco è diviso in 3 periodi:

  1. periodo postoperatorio o post-traumatico (prime 3 settimane);
  2. periodo di recupero precoce (da 3 a 6 settimane);
  3. periodo di recupero tardivo (da 6 a 8 settimane).

La terapia fisica per la lesione del menisco comprende una serie di semplici esercizi volti ad aumentare la forza muscolare nella parte anteriore della coscia (nel muscolo quadricipite o quadricipite), nella parte posteriore della coscia (nel muscolo popliteo) e nella parte inferiore della gamba (nel muscolo del polpaccio). Questi gruppi muscolari sono responsabili della funzionalità dell'arto inferiore e del fissaggio dell'articolazione del ginocchio nella posizione corretta..

Lo sviluppo e il rafforzamento della massa muscolare nella gamba previene la progressione della lesione del menisco e previene il verificarsi di nuovi danni. L'educazione fisica inizia il 3 ° giorno dopo l'infortunio, a condizione che non vi siano controindicazioni.

Regole generali

Raccomandazioni prima di iniziare la terapia fisica per la lesione del menisco:

  • 5-10 minuti prima dell'allenamento, si consiglia di riscaldare i muscoli delle gambe camminando. Si consiglia di utilizzare un tapis roulant. Inizia a camminare a passo lento con entrambe le mani sui corrimano del simulatore. In assenza di disagio e dolore, la velocità può essere aumentata.
  • Dopo aver camminato (come alla fine dell'allenamento), devi assolutamente fare esercizi di stretching.
  • Il dolore durante l'esercizio non dovrebbe essere ignorato. Se si verifica dolore, è necessario interrompere l'allenamento e consultare un medico o un riabilitologo. Maggiori informazioni sul trattamento del dolore dopo una lesione al menisco nell'articolo "Il ginocchio fa male dopo una lesione del menisco? Tecniche efficaci per ripristinare la mobilità articolare ".

Periodo postoperatorio o post-traumatico

Grazie all'esercizio, il paziente nota:

  • riduzione del gonfiore e del dolore all'articolazione del ginocchio;
  • ripristino della gamma di movimento del ginocchio fino a 90 gradi;
  • rifiuto di stampelle e altro supporto;
  • aumento della forza muscolare degli arti inferiori.

Durante le prime 3 settimane dopo una lesione al menisco, la terapia fisica comprende movimenti semplici ed estremamente attenti dell'arto inferiore.

In questa fase, la durata delle lezioni non deve superare i 20 minuti, il numero di ripetizioni - 1 volta al giorno.

Esercizio numero 1

Posizione di partenza: sdraiato sulla schiena, braccia estese parallelamente al corpo. Posizionare un rullo (un asciugamano arrotolato più volte) sotto l'articolazione del ginocchio danneggiata. Piega la gamba opposta a un angolo di 45 gradi. Contrai gradualmente i muscoli della parte anteriore della coscia e parallelamente premi il ginocchio verso il basso.
Tieni la gamba in questa posizione per 10-15 secondi. Ripeti l'esercizio 10-12 volte.

Esercizio numero 2

La posizione di partenza è sdraiata a pancia in giù. Piega le braccia all'altezza dell'articolazione del gomito e chiudi i palmi nella serratura. Posiziona un rullo sotto l'articolazione della caviglia. Solleva lentamente il ginocchio, mantenendo la gamba in questo stato per 15-20 secondi. Ripeti l'esercizio 10-15 volte.

Esercizio numero 3

La posizione di partenza è sdraiata sulla schiena, le braccia incrociate sul petto, una gamba piegata ad angolo retto e l'altra dritta. Alza la gamba in modo che il tallone sia a 30 cm dal pavimento. Tieni l'arto per 10 secondi, quindi abbassa gradualmente la gamba sul pavimento. Fai da 8 a 12 ripetizioni.

Esercizio numero 4

Posizione di partenza: seduto su una sedia, gambe unite, ginocchia premute l'una sull'altra. Alza le gambe alternativamente a livello del ventre. Ripeti l'esercizio 7-10 volte.

Periodo di recupero precoce

3 settimane dopo la lesione del menisco, puoi procedere alla seconda fase della terapia fisica.

Grazie all'esercizio, il paziente nota:

  • completo sollievo dal dolore e dal gonfiore;
  • un aumento della gamma di movimento nell'articolazione del ginocchio fino a 120 gradi;
  • graduale ripristino dell'andatura normale senza zoppia;
  • rafforzare i muscoli della coscia e della parte inferiore della gamba.

Nel primo periodo di recupero, il volume e l'intensità degli esercizi vengono aumentati: il numero di ripetizioni aumenta a 2-3 volte al giorno, la durata degli esercizi aumenta a 30-45 minuti. Nella seconda fase, gli esercizi di terapia fisica devono essere eseguiti due volte al giorno..

Esercizio numero 1

Posizione di partenza: stare in piedi, avvolgere le dita attorno allo schienale della sedia, i piedi alla larghezza delle spalle. Inizia ad accovacciarti lentamente fino a 45 gradi, mantieni questa posizione per 5 secondi, torna alla posizione di partenza. Ripeti l'esercizio 15-17 volte.

Esercizio numero 2

Posizione di partenza: sdraiati sulla schiena, le gambe sono piegate sulle ginocchia, le mani sul petto. Solleva lentamente i glutei, appoggiandoti sui talloni, finché il tuo corpo non è in linea retta dalle spalle alle ginocchia. Mantieni questa posizione per 6 secondi, quindi torna lentamente alla posizione di partenza, riposa per 10 secondi. Per ottenere l'effetto, l'esercizio deve essere ripetuto almeno 10-15 volte.

Esercizio numero 3

Posizione di partenza: sdraiati su un fianco con le gambe dritte. Una mano poggia con il gomito a terra e sostiene la testa, l'altra mano poggia a terra con il palmo e aiuta a mantenere l'equilibrio. Solleva lentamente la gamba tesa. Tieni la gamba per 5 secondi all'altezza e abbassala all'indietro. Quindi sdraiati sul lato opposto e ripeti l'esercizio. Fai 2-3 serie da 4-8 ripetizioni.

Esercizio numero 4

Posizione di partenza: sdraiato sul pavimento, a faccia in giù, braccia distese lungo il corpo, gambe unite. Alza una gamba il più in alto possibile. Mantieni questa posizione per 5 secondi e abbassa la gamba indietro. Ripeti l'esercizio 10-15 volte per ogni gamba.

Fase avanzata della riabilitazione

I compiti principali dell'ultimo periodo:

  • ripristinare l'intera gamma di movimento nell'articolazione del ginocchio;
  • aumentare la massa muscolare e la forza nei muscoli dell'arto inferiore.

Esercizio numero 1

La posizione di partenza è una tavola su braccia tese. Tirare una gamba verso il petto, piegando il ginocchio in modo che la parte inferiore della gamba sia parallela al pavimento. Tenere l'arto in questa posizione per 5 secondi. Quindi torna lentamente alla posizione di partenza e ripeti l'azione per la gamba opposta. Fai 3 serie da 4-6 ripetizioni.

Esercizio numero 2

Posizione di partenza: sdraiato sul pavimento, a faccia in giù, gambe unite. Le braccia sono estese lungo il corpo. Sollevare una gamba e piegare l'articolazione del ginocchio con un angolo di 90 gradi. Quindi tornare gradualmente alla posizione di partenza. Fai 4 serie da 5-8 ripetizioni.

Esercizio numero 3

Posizione di partenza: sdraiato su un fianco, appoggiato sul gomito, gambe dritte. Solleva il corpo in modo che sia in linea retta con le gambe. Mantieni questa posizione per 5 secondi e torna alla posizione di partenza. Il numero di ripetizioni - 15 volte.

Esercizio numero 4

Posizione di partenza: sdraiato sulla schiena, gambe unite. Le braccia sono estese ai lati. Innanzitutto, solleva le gambe perpendicolarmente al corpo (fig. A). Quindi abbassa le gambe a sinistra, quindi a destra (Figura B). Assicurati che le scapole non si stacchino dal pavimento. Ripeti l'esercizio 15-20 volte.

Ginnastica terapeutica con rottura del menisco mediale

Gli esercizi di terapia fisica con una rottura del menisco mediale mirano a rafforzare i legamenti e i muscoli del ginocchio. La terapia fisica per questa patologia è prescritta in combinazione con la terapia conservativa. Leggi le istruzioni dettagliate per il trattamento di un rivestimento cartilagineo rotto dell'articolazione del ginocchio a casa qui.

I seguenti esercizi aiutano a ripristinare le funzioni del menisco mediale:

  • esercizio isotonico;
  • squat incompleti con un angolo di 45 gradi;
  • alzare le gambe (sdraiato, seduto e in piedi);
  • flessione passiva giornaliera della gamba all'altezza dell'articolazione del ginocchio (gamba appesa al letto).

Sdraiati sulla schiena con le gambe contro il muro. Inizia lentamente a far scivolare il piede ferito lungo il muro. Dopo la formazione di un angolo retto tra il muro e l'arto inferiore, tenere la gamba in questa posizione per 5-6 secondi. Sollevare l'arto senza sollevarlo dal muro.

Video utile

Il video presenta gli esercizi di base della terapia fisica, con i quali è necessario iniziare la riabilitazione con una lesione al menisco.

Ginnastica per menisco del ginocchio rotto

La terapia fisica per la lesione del menisco del ginocchio è la parte più importante della riabilitazione necessaria per ripristinare il pieno funzionamento degli arti. Le lesioni al ginocchio sono particolarmente comuni per le persone la cui attività professionale è associata ad un'attività fisica elevata: atleti, ballerini, caricatori. E solo una serie di esercizi ben progettati può aiutarli a tornare ai loro studi il prima possibile..

Perché è necessaria la terapia fisica

Il trattamento per le lesioni dei legamenti dell'articolazione del ginocchio può essere eseguito sia in modo chirurgico che conservativo. La chirurgia è solitamente richiesta quando il menisco è lacerato. Oggi, questa procedura viene solitamente eseguita mediante artroscopia. Per lesioni più lievi, viene applicata una fasciatura al ginocchio. Immediatamente dopo l'infortunio, l'articolazione ha bisogno di riposo completo per fornire le condizioni per la guarigione della cartilagine.

Come risultato della lesione e dell'immobilizzazione dell'articolazione, si verificano cambiamenti funzionali in essa, che portano alla disabilità dell'arto. Con danni al menisco e conseguenti complicazioni (edema, aumento della pressione interstiziale), le terminazioni nervose soffrono. Di conseguenza, si verifica ipertonicità muscolare e la motilità dei tendini viene inibita..

Gli esercizi di fisioterapia possono eliminare lo spasmo muscolare e prevenire il degrado articolare.

L'immobilizzazione prolungata dell'arto porta a conseguenze negative e aumenta significativamente il rischio di complicanze. Basti pensare che in una settimana di completa inattività i muscoli perdono il 20% delle loro capacità. Un mese e mezzo senza movimento porta alla patologia della capsula articolare, che diventa troppo rigida. Ci vuole un doppio sforzo per muovere il ginocchio. L'immobilizzazione di otto settimane causa una perdita del 40% di elasticità dei legamenti articolari.

Pertanto, la terapia fisica per la lesione del menisco viene prescritta fin dai primi giorni di riabilitazione. La ginnastica terapeutica nello sviluppo dell'articolazione del ginocchio svolge le seguenti funzioni:

  • rimozione della sindrome del dolore;
  • normalizzazione della circolazione sanguigna;
  • ripristino della mobilità dei legamenti;
  • tonificare i muscoli delle gambe.

Fase passiva della riabilitazione

Durante il periodo di immobilizzazione dell'articolazione del ginocchio, la ginnastica dovrebbe mirare a migliorare la circolazione sanguigna periferica nell'arto e mantenere il tono muscolare. I movimenti vengono eseguiti con una gamba sana e vengono eseguiti esercizi di natura evolutiva generale. L'arto ferito deve essere tenuto prima in posizione sollevata e poi in una posizione abbassata. Viene eseguita la tensione sequenziale e il rilassamento dei muscoli della gamba interessata.

Il compito principale di questa fase è preparare legamenti e muscoli del ginocchio per un ulteriore sviluppo in palestra. Durante questo periodo, è necessario gettare le basi per il ripristino dei muscoli della coscia, per ottenere un'andatura sicura. Inoltre, la terapia fisica aiuta ad alleviare la sindrome del dolore, alleviare il gonfiore dell'arto ferito..

La terapia fisica per il danno al menisco del ginocchio deve essere prescritta solo da un medico. Determina la serie di esercizi necessari, la loro durata e dosa il carico. L'autoattività in questa materia è inaccettabile, poiché può portare a gravi complicazioni.

La ginnastica per ripristinare il menisco all'inizio della riabilitazione viene solitamente eseguita in posizione supina, in modo facile. Inoltre, il carico deve essere gradualmente aumentato e la gamma di movimento deve essere ampliata..

  1. Gli arti feriti e sani si alzano alternativamente su e giù. I movimenti dovrebbero essere fluidi, misurati. L'esercizio viene ripetuto 10-15 volte.
  2. L'articolazione della caviglia si piega alternativamente in una direzione o nell'altra. I movimenti circolari vengono effettuati con i piedi. Il numero di ripetizioni - 10-15.
  3. Una palla medica viene lanciata e presa. Ripetiamo 15-20 volte.
  4. Il paziente giace sulla schiena. Le gambe sono piegate alle ginocchia ei piedi vengono premuti contro il supporto per 5-7 secondi. Se si verifica dolore, l'esercizio deve essere interrotto..
  5. Il paziente giace a pancia in giù. Un rullo è fissato sotto i piedi. La gamba dolorante viene raddrizzata per 5-7 secondi, quindi si rilassa. L'esercizio viene interrotto quando si verifica il dolore.

Periodo di riabilitazione attiva

In questa fase, è necessario riprendere il pieno controllo dei muscoli della gamba ferita. Gli esercizi di flessibilità dovrebbero aiutare a ripristinare la mobilità articolare. È necessario ottenere un angolo di estensione dei legamenti del ginocchio di almeno 90º. Per ripristinare il tono muscolare precedente, vengono eseguiti ginnastica di forza, esercizi di coordinazione.

Una corretta distribuzione del carico sul menisco durante l'esercizio aiuterà il paziente a ritrovare completamente un'andatura ferma.

Nella prima fase della riabilitazione attiva, un complesso di esercizi ginnici viene eseguito in modalità delicata con un attento dosaggio del carico. La maggior parte degli esercizi viene eseguita stando sdraiati o seduti. In futuro, il carico aumenta progressivamente. Diventa più esercizio in posizione eretta. Camminando, vengono aggiunte attività dinamiche. Si consiglia di iniziare a camminare con le stampelle: in questo modo è più facile controllare la corretta andatura.

La terapia fisica per ripristinare un arto danneggiato sarà molto più efficace se completata da vari tipi di massaggio.

Ecco alcuni esempi di esercizi che ti aiuteranno a recuperare il ginocchio in pochissimo tempo:

  1. Il paziente giace, appoggiato sui gomiti, la parte posteriore della testa e una gamba sana piegata. È necessario abbassare e sollevare gradualmente il bacino senza sollevare l'arto ferito dal pavimento.
  2. L'enfasi è su 3 punti: gomiti e ginocchio sano. La gamba dolorante si solleva lentamente all'indietro, quindi ritorna alla posizione piegata.
  3. Mentre è seduto, il paziente afferra vari oggetti con i piedi e li sposta. Puoi afferrare una palla medica sollevandola e abbassandola delicatamente.
  4. Il paziente si siede su un divano con le gambe penzoloni e il paziente è di fronte a quello sano. Gli arti si alzano e si abbassano lentamente in modo che la gamba sana assicuri l'infortunato.
  5. L'esercizio viene eseguito sdraiati. Un arto sano è parallelo al pavimento e il paziente si piega all'altezza del ginocchio e si alza ad angolo retto.
  6. L'esercizio viene eseguito su un simulatore. Il sollevamento delle gambe viene eseguito con il supporto sul letto, quando le si abbassa, l'enfasi è esclusivamente sull'arto dolorante.
  7. Al muro della ginnastica, il paziente afferra la barra all'altezza del torace con le mani ed esegue rotoli regolari dalla punta al tallone e alla schiena.

A poco a poco, i carichi aumentano e vengono introdotti più esercizi di forza:

  1. Squat. Quando li fai, è meglio aggrapparsi allo schienale della sedia. La profondità degli squat dovrebbe essere la più profonda possibile, ma non dovrebbe essere consentito il dolore acuto.
  2. L'esercizio viene eseguito su un tapis roulant. A passo lento, con l'appoggio sulla ringhiera, cammini all'indietro. Ad ogni passo, il piede dovrebbe rotolare dal naso al tallone.
  3. Allenamento ciclistico. Qui è necessario selezionare correttamente l'altezza della posizione di seduta sulla cyclette in modo che nella posizione inferiore la gamba sia completamente raddrizzata. Tieni i pedali corti.
  4. Avrai bisogno di un nastro elastico lungo almeno 1,5 m, fissato al muro svedese ad un'altezza di 15-25 cm dal pavimento. Il paziente si trova a una distanza di 1 m dal muro e fissa il cappio sulla caviglia della gamba sana. Con lo stesso arto esegue oscillazioni laterali di ampia ampiezza.
  5. Piegando una gamba, il paziente salta sull'altra. I salti vengono eseguiti lungo la linea tracciata sul pavimento.
  6. Correndo sul posto. Una fascia elastica è attaccata alle spalliere e fissata all'altezza del torace. In questa posizione, il paziente corre, alternando una gamba all'altra.
  7. L'esercizio viene eseguito in piedi. L'arto ferito si solleva ad angolo retto. Pertanto, è necessario riposare per almeno 5 secondi..

La terapia fisica per la lesione al menisco del ginocchio termina con esercizi di respirazione e rilassamento. È auspicabile integrare il complesso con massaggi e nuotate in piscina.

Esercizi di terapia ricostruttiva per lesioni o rottura del menisco del ginocchio

Le articolazioni umane sono strutture complesse, perché sono in grado di far eseguire al nostro corpo quasi tutti i movimenti. Ciò è particolarmente vero per le articolazioni del ginocchio, che sono regolarmente soggette a carichi pesanti. Lesioni o rotture dell'articolazione del ginocchio sono un fenomeno piuttosto spiacevole che in alcuni casi richiede un intervento chirurgico. Un ruolo importante è svolto dagli esercizi per il menisco dell'articolazione del ginocchio, che consentono di ripristinare l'elemento danneggiato.

Potenziali conseguenze della chirurgia

I traumatologi avvertono che una serie di complicazioni associate all'uso dell'anestesia può essere una conseguenza della rimozione del menisco. L'anestesia epidurale è ora abbastanza popolare. Tuttavia, non è raccomandato per le persone che soffrono di malattie neurologiche e disturbi congeniti del sistema muscolo-scheletrico. Pertanto, prima di scegliere un metodo per alleviare il dolore, è necessario consultare un anestesista. Va inoltre tenuto presente che alcuni pazienti potrebbero non tollerare l'anestesia a causa di un sistema cardiovascolare debole e di una tendenza alle reazioni allergiche..

Inoltre, dopo l'operazione di rimozione del menisco, sono possibili danni ai vasi sanguigni, accumulo di sangue nella cavità articolare o complicanze di natura tromboelica. Ma, a giudicare dalle statistiche, queste complicazioni sono piuttosto rare. Più spesso, l'artrite si sviluppa a causa dell'infezione nella cavità dell'articolazione operata. L'artrite si manifesta sotto forma di arrossamento, gonfiore e dolore alle articolazioni, che aggrava le condizioni generali del paziente. Pertanto, nel periodo postoperatorio, il medico prescriverà sicuramente antibiotici per prevenire le possibili conseguenze della genesi infettiva..

Caratteristiche e tipi di lesioni dell'articolazione del ginocchio

Si distinguono i seguenti tipi di lesioni:

  • lesione;
  • rottura del legamento;
  • emartro;
  • danno al menisco;
  • lussazione della ginocchiera.

Un livido è una violazione dell'integrità dei tessuti molli durante una caduta, impatto diretto. I sintomi caratteristici sono gonfiore, dolori acuti, ematomi..

Tale diagnosi viene effettuata se non vi sono gravi danni all'articolazione. Con la patologia, non è richiesto un trattamento specifico. Applicare impacchi freddi e unguenti antinfiammatori.

Nonostante l'evidenza dei sintomi clinici, è necessario consultare un medico per escludere malattie più gravi..

Rottura del legamento

Uno dei tipi più gravi di lesioni al ginocchio. In caso di rottura, il paziente avverte disagio, instabilità alla gamba e forte dolore. L'edema è possibile. Solo un ortopedico può diagnosticare la malattia sulla base di un esame visivo.

Nel trattamento della patologia vengono utilizzati antidolorifici e ghiaccio, nei casi più gravi ricorrono al legamento di plastica.

La terapia fisica per l'articolazione del ginocchio dopo la lesione del legamento viene utilizzata quando il dolore passa e il gonfiore si attenua.

Emartro

L'emartro è una raccolta di sangue nell'articolazione del ginocchio. È caratterizzato da un aumento della temperatura, un cambiamento nella forma dell'articolazione, un forte dolore, un movimento limitato.


3 fasi di emartro

Il trattamento inizia con la rimozione di liquido e sangue dalla cavità articolare. Successivamente, la gamba deve essere fissata, per questo viene applicato un calco in gesso o una stecca.

Durante il periodo di riabilitazione dell'articolazione del ginocchio dopo un infortunio, vengono prescritte fisioterapia e terapia fisica.

Danni al menisco

È una delle lesioni più comuni. Si verifica quando la gamba è attorcigliata con la parte inferiore della gamba fissa. Il paziente avverte dolore acuto alla rotula, c'è gonfiore ed emartro, è possibile un sintomo di "blocco" dell'articolazione.

Trattare la patologia solo chirurgicamente. L'ottavo giorno dopo l'operazione vengono prescritti terapia fisica, massaggio, stimolazione muscolare elettrica.

Dislocazione rotulea

La causa è una lesione diretta. La malattia è accompagnata da dolore intenso, il ginocchio si gonfia e non si piega.

Il trattamento viene eseguito mediante riduzione in anestesia locale. Successivamente, viene applicata una stecca o una benda per un mese.

Recupero

La fase di recupero-allenamento inizia solo quando vengono raggiunti gli obiettivi del livello precedente. Il complesso di terapia fisica consiste in azioni più complesse che sono vicine ai movimenti naturali. Gli allenamenti sui simulatori di forza sono collegati, compresi i movimenti statici-dinamici delle gambe. Vengono condotte lezioni di trampolino, aggiungendo azioni inerziali.

Gli esercizi di fisioterapia per l'articolazione del ginocchio nella terza fase ottengono:

  1. Ulteriore sviluppo della resistenza e della forza dei tessuti muscolari della parte inferiore della gamba, della coscia. Per fare ciò, esegui azioni di potenza e coordinamento più complesse..
  2. Raggiungimento della flessione dell'articolazione del ginocchio con un angolo inferiore a 60.
  3. Migliorare la sensibilità del ginocchio con esercizi di equilibrio.
  4. Preparazione dei muscoli per le azioni di corsa, per le quali vengono introdotti esercizi di affondi.
  5. Andatura corretta e capacità di corsa.
  6. Riportare il volume muscolare di una gamba dolorante al livello di una sana.
  7. Formazione dello stereotipo di atterraggio corretto durante il salto.

Fino al 75% è assegnato per esercizi speciali nel periodo di recupero.

Complesso per il recupero della forza muscolare

  1. Sdraiato sul pavimento, il piede è premuto contro il muro. Fai scorrere i piedi verso il basso, mentre pieghi l'articolazione del ginocchio.
  2. Il piede dell'arto malato è posto su una sedia, mentre il ginocchio è piegato sotto i 90. Si piega in avanti, piegando l'articolazione.
  1. Un peso è attaccato alla caviglia della gamba ferita. Si siedono sul tavolo: i fianchi sono sulla superficie del tavolo, le gambe pendono. Raddrizza e abbassa la gamba, indugiando in ciascuna posizione per 10 secondi.
  2. Torna al muro. Piega le gambe, facendo scorrere la schiena verso il basso. Piegando le gambe, si attardano per 10 secondi. Aumenta gradualmente il tempo.
  3. Fissare una benda elastica attorno alle gambe della sedia. Siediti su una sedia e spingi la benda all'indietro.
  1. Si siedono sul pavimento, piegano le ginocchia e collegano i piedi. Premi le mani sui piedi.

Man mano che lo stato della terapia fisica migliora, vengono aggiunti jogging lento, esercizio su una cyclette, allenamenti in piscina.

Esercizi

I cambiamenti funzionali e quindi morfologici nell'articolazione del ginocchio si verificano non solo al momento della lesione stessa, ma durante l'immobilizzazione prolungata dell'arto durante il periodo di terapia. Quando una lesione è stata ricevuta, l'edema appare spesso sulla pelle, che può anche essere una conseguenza di una successiva complicanza. Inoltre, quando il menisco si rompe, la pressione interstiziale aumenta e il normale funzionamento delle terminazioni nervose viene interrotto..

Poiché i miorecettori sono costantemente irritati, appare l'effetto dell'ipertonicità dei tessuti muscolari. L'irritazione prolungata dei recettori situati sui tendini porta a una forte soppressione della funzione motoria. L'educazione fisica riparativa condotta correttamente dopo la rottura dei menischi dell'articolazione del ginocchio elimina i processi stagnanti e la contrattura degli elementi articolari.

Si noti che ulteriori difficoltà per un rapido recupero sono create dall'immobilizzazione forzata dell'arto ferito. Va ricordato che la successiva educazione fisica riparativa viene utilizzata dopo la rottura dei menischi del ginocchio, maggiore è il rischio di complicanze. Se un arto viene immobilizzato per una settimana, i muscoli perdono il 20% delle loro capacità..

Quando il periodo di immobilizzazione è di circa sei settimane, la capsula articolare diventa rigida ed è necessario uno sforzo molte volte maggiore per eseguire un semplice movimento. A sua volta, dopo due mesi di immobilizzazione, si perde circa il 40% dell'elasticità dei legamenti e si perde anche la capacità funzionale del tessuto cartilagineo..

Tutto ciò suggerisce che l'educazione fisica riparativa dopo una rottura del menisco del ginocchio dovrebbe essere prescritta nei primi giorni della fase di riabilitazione..

Ora porteremo alla vostra attenzione un complesso approssimativo di educazione fisica riparativa dopo una rottura del menisco del ginocchio.

Riscaldamento

Tutti gli esercizi devono essere eseguiti sdraiati..

  1. Le mani sono bloccate e si trovano sulla testa. Mentre inspiri, solleva le braccia verso l'alto e poi riportale nella posizione di partenza. Devi fare tre o quattro ripetizioni.
  2. Piega la caviglia in direzione dorsale e plantare ed esegui movimenti circolari. Il ritmo è nella media. Devi fare da 15 a 18 ripetizioni.
  3. La palla medica deve essere lanciata e presa. Il numero di ripetizioni va da 15 a 18.
  4. Sollevare alternativamente gli arti feriti e sani. L'esercizio viene eseguito in 12-14 ripetizioni.
  1. Assumi una posizione prona, appoggiandoti a terra con le articolazioni del gomito, la parte posteriore della testa e una buona gamba piegata all'altezza del ginocchio. Inizia a sollevare lentamente il bacino il più in alto possibile. Assicurati che la gamba ferita rimanga a terra, ma si pieghi all'altezza del ginocchio. Il numero di ripetizioni va da 4 a 7.
  2. Appoggia le mani e un ginocchio sano a terra. Inizia a sollevare l'arto ferito. Il numero di ripetizioni va da 6 a 9.
  3. Da una posizione a quattro zampe, abbassati lentamente sui talloni. Il numero di ripetizioni va da 6 a 9.
  4. Siediti su una sedia e afferra con le dita dei piedi e poi rotola vari oggetti. Il numero di ripetizioni va da 14 a 16.
  5. Alza la palla medica con i piedi. Il numero di ripetizioni va da 6 a 9.
  6. Raccogli l'asciugamano. Il numero di ripetizioni va da 5 a 7.
  7. Accovacciati lentamente, appoggiando le mani sul bordo della sedia. Il numero di ripetizioni va da 5 a 7.
  8. Stai vicino a una scala da ginnastica e tieni l'asse all'altezza del petto. Inizia a rotolare dal tallone alla punta. Il numero di ripetizioni va da 13 a 17.
  9. Posiziona il piede dell'arto ferito su una palla medica e inizia a rotolarla lateralmente.

Per controllare l'andatura, devi camminare con le stampelle. Nella fase finale del complesso di ginnastica riparativa, è necessario eseguire la respirazione e rilassare i muscoli del movimento.Questa fase dovrebbe iniziare solo dopo che tutti gli obiettivi della precedente sono stati raggiunti. Ora, l'educazione fisica riabilitativa dopo una rottura del menisco del ginocchio comporta l'esecuzione di movimenti più complessi che sono il più vicino possibile al naturale. Il paziente deve iniziare a lavorare sui simulatori ed eseguire movimenti statico-dinamici. È anche auspicabile includere lezioni di trampolino nel complesso..

Gli obiettivi principali di questa fase sono:

  1. Ulteriore aumento della resistenza e della forza muscolare, che implica l'introduzione di esercizi più complessi nel complesso.
  2. L'articolazione del ginocchio dovrebbe piegarsi con un angolo di 60 gradi.
  3. Aumenta la sensibilità dell'articolazione del ginocchio con esercizi di equilibrio.
  4. Ulteriore preparazione dei muscoli per il normale funzionamento.
  5. Riportare i muscoli al volume precedente.
  6. Formazione dell'abilità di atterraggio corretto durante il salto.

Durante questo periodo, si consiglia di eseguire i seguenti esercizi per diversi gruppi muscolari..

Siediti su una sedia con le ginocchia piegate. Inizia ad allargarli mentre avvicini i talloni. Quando esegui l'esercizio con le mani, devi premere sulle gambe..

Muscoli flessori

  1. Mettiti in posizione supina e premi il piede contro il muro. Inizia a spostarlo verso il basso, piegando l'articolazione del ginocchio.
  2. Il piede dell'arto ferito deve essere posizionato su una sedia, mentre si piega l'articolazione del ginocchio ad angolo retto. Inizia a piegarti in avanti piegando il ginocchio.
  1. Un peso deve essere attaccato alla caviglia della gamba ferita. Prendi una posizione seduta sul tavolo in modo che i tuoi fianchi siano sulla sua superficie e le tue gambe penzolino liberamente. Inizia a piegare / distendere la gamba, mantenendo una pausa di dieci secondi nei punti finali della traiettoria.
  2. Stai con la schiena al muro e, piegando le gambe alle articolazioni del ginocchio, scivola giù. Nel punto più basso della traiettoria, tieni una pausa per dieci conteggi.
  3. Una benda elastica deve essere fissata tra le gambe della sedia e quindi sedersi su di essa. Inizia a premere sulla benda con il piede, mentre la riprendi.

Ancora una volta, vorrei ricordarvi che l'educazione fisica riparativa dovrebbe essere eseguita in modo tempestivo. Questo è l'unico modo in cui il paziente può riprendersi in breve tempo. Fino a quando l'articolazione del ginocchio non è completamente ripristinata, la gamba non deve essere sollevata o portata in bagni caldi..

  1. Le mani sono bloccate e si trovano sulla testa. Mentre inspiri, solleva le braccia verso l'alto e poi riportale nella posizione di partenza. Devi fare tre o quattro ripetizioni.
  2. Piega la caviglia in direzione dorsale e plantare ed esegui movimenti circolari. Il ritmo è nella media. Devi fare da 15 a 18 ripetizioni.
  3. La palla medica deve essere lanciata e presa. Il numero di ripetizioni va da 15 a 18.
  4. Sollevare alternativamente gli arti feriti e sani. L'esercizio viene eseguito in 12-14 ripetizioni.

La terapia fisica per la lesione del menisco del ginocchio è la parte più importante della riabilitazione necessaria per ripristinare il pieno funzionamento degli arti. Gli infortuni al ginocchio sono particolarmente comuni per le persone le cui attività professionali sono associate a un'attività fisica elevata: atleti, ballerini, ballerini.

E solo una serie di esercizi ben progettati può aiutarli a tornare ai loro studi il prima possibile..

Ci sono molti esercizi che possono aiutare a ripristinare la mobilità articolare dopo una lesione al menisco.

  1. Movimenti attivi del ginocchio, che il paziente aiuta con la gamba sana. L'esercizio viene eseguito stando seduto su un divano, mentre i suoi piedi non toccano il pavimento. La gamba sana viene portata sotto quella dolorante e il paziente raddrizza entrambe le gambe. L'esercizio viene eseguito lentamente, in modo che la gamba sana assicuri sempre i malati.
  2. Camminando nella direzione opposta. Questo esercizio viene spesso eseguito su un tapis roulant a passo lento. Il paziente cammina nella direzione opposta al movimento del tapis roulant, aggrappandosi al corrimano del simulatore. In questo caso, il paziente posiziona le gambe in modo che il piede sia "rotolato" nella direzione dalle dita dei piedi al tallone.
  3. Squat. Questo esercizio è consigliato verso la fine del periodo di riabilitazione. Gli squat vengono eseguiti con una leggera flessione all'indietro. La profondità dello squat è la massima possibile, ma è auspicabile che le ginocchia del paziente si pieghino di almeno 90 gradi.
  4. Esercizio su una cyclette. Per tali esercizi, viene selezionato un simulatore con pedali corti e l'altezza del sedile è impostata a un livello tale che la gamba è completamente raddrizzata nel momento in cui si trova nella posizione inferiore del pedale..
  5. Allenamento con fascia elastica. Per l'esercizio il paziente utilizza una fascia elastica lunga circa 1,5-2 m, legata alla barra delle spalliere ad un'altezza di 20-25 cm da terra. Il nastro è legato in modo che un anello sia lungo circa un metro. Stando a mezzo metro dal muro, il paziente indossa il cappio sulla gamba sana nella zona della caviglia. Le ginocchia sono leggermente piegate, ma il busto rimane eretto. Con una gamba sana, il paziente inizia a oscillare di lato. Ciò consente di allenare il lavoro coordinato dei muscoli di entrambe le gambe e ripristinare l'equilibrio. Questo esercizio può essere eseguito anche su un rullo..
  6. Saltare su una gamba: l'esercizio si riferisce anche alla fase finale della riabilitazione e può essere una sorta di test dell'efficacia del trattamento. L'essenza dell'esercizio consiste nel saltare su una gamba sui lati opposti della linea tracciata sul pavimento. Questo esercizio aiuta ad allenare l'equilibrio, la forza dei muscoli della coscia e la coordinazione dei movimenti..
  7. Esercizio "leg press" sulla panca di un simulatore speciale. Il sollevamento delle gambe viene eseguito con appoggio sul letto, mentre la discesa viene eseguita con appoggio solo sulla gamba dolorante.
  8. Corsa con gradini laterali. Running con un passante elastico in vita.
  9. Alzare le gambe da una posizione prona. La gamba colpita è estesa parallelamente al pavimento, la gamba sana è piegata al ginocchio e sollevata di 40-50 gradi. Poi la situazione cambia.
  10. Alzare le gambe da una posizione eretta. La gamba ferita si estende in avanti, si alza di 30-45 gradi e viene fissata in questa posizione per 5-6 secondi.
  11. Contrazione dei muscoli anteriori della coscia. Il paziente, sdraiato a pancia in giù, fissa il rullo sotto i piedi. L'arto colpito viene raddrizzato e tenuto in questa posizione per 5-6 secondi, quindi segue una pausa.
  12. Contrazione dei muscoli della schiena della coscia. Il paziente, sdraiato sulla schiena, piega le ginocchia e preme i piedi contro il supporto. La tensione viene mantenuta per 5-6 secondi o fino alla comparsa del dolore.

Va notato che tutti questi esercizi vengono eseguiti rigorosamente secondo le indicazioni del medico. I tentativi indipendenti di espandere l'elenco di esercizi raccomandati possono essere pericolosi e portare a ulteriori lesioni all'articolazione o al menisco..

Atleti professionisti, ballerini, persone il cui lavoro è associato ad un'elevata attività fisica, spesso hanno problemi alle articolazioni degli arti. La più comune è la lesione al menisco del ginocchio, il cui trattamento dipende dalla gravità della lesione e dalle caratteristiche individuali del corpo..

Il trattamento per il danno al menisco mediale dell'articolazione del ginocchio è suddiviso nei seguenti metodi:

  1. tecnica conservativa, inclusa l'assunzione di farmaci di varie categorie (analgesici, non steroidi, ormoni), indossare una benda speciale per immobilizzare l'articolazione, fisioterapia, massaggio, esercizi ginnici speciali;
  2. Intervento chirurgico. L'operazione è indicata per traumi gravi al menisco e quando i metodi tradizionali non hanno avuto esito positivo.

L'artroscopia viene utilizzata come procedura chirurgica. Con questo metodo, il danno può essere diagnosticato esaminando le condizioni dei tessuti articolari e, se necessario, può essere eseguita una meniscectomia dell'articolazione del ginocchio.

Dopo ogni tipo di trattamento, la fase riabilitativa gioca un ruolo importante, quando vengono eseguite varie procedure (fisioterapia, massaggi, esercizi fisici). Consideriamo più in dettaglio una delle varietà di metodi della fase di riabilitazione: esercizi per ripristinare il menisco.

È possibile curare l'elemento articolare ammortizzante senza intervento chirurgico se si cerca assistenza medica immediatamente dopo il danno. Di particolare importanza è la riabilitazione dopo una lesione al menisco, che comprende diverse misure per ripristinare le funzioni perse dell'arto..

La terapia fisica per la rottura del menisco del ginocchio è obbligatoria, sia dopo il trattamento conservativo che dopo il trattamento chirurgico. Viene sviluppata una serie di esercizi per ogni paziente e include movimenti per lo sviluppo articolare e il recupero del tessuto muscolare.

Con l'aiuto della terapia fisica, con una rottura del menisco, è possibile eliminare i processi stagnanti nell'arto ferito, eliminare il pizzicamento delle fibre muscolari e prevenire la limitazione articolare.

Gli esercizi per una lesione al menisco del ginocchio includono i seguenti passaggi:

  • la fase introduttiva della ginnastica speciale viene eseguita in posizione supina;
  • la fase principale dell'esercizio fisico.

Ora di più su ciascuna parte degli esercizi per lesioni al menisco durante la riabilitazione.

Parte introduttiva

Devi fare 4 tipi di esercizi sdraiati:

  1. piega le dita di ciascuna mano con un lucchetto, quindi metti la testa. Inspirate profondamente con le braccia tese. Espirando, torna alla posizione di partenza (4 volte);
  2. piegare la parte inferiore della gamba (18 volte) verso la suola. Fai i movimenti in cerchio;
  3. sdraiarsi e lanciare una palla gonfiabile. La palla deve essere presa (18 volte);
  4. a turno per sollevare l'arto ferito e sano (14 volte).

Gli esercizi vengono eseguiti con attenzione e lentamente.

Parte principale

La fase è composta da 9 esercizi e movimenti finali:

  1. sdraiato, allo stesso tempo appoggiarsi sui gomiti e su un arto piegato intatto. Sollevare delicatamente il bacino (da 4 a 7 volte) senza utilizzare l'arto ferito;
  2. appoggiarsi su una gamba e braccia intatte. Sollevare il ginocchio infortunato 9 volte indietro, tornando alla posizione di partenza;
  3. siediti a quattro zampe e siediti delicatamente sui talloni (9 volte);
  4. sedersi su una sedia e prendere e spostare qualsiasi oggetto con le dita dei piedi (fino a 17 volte);
  5. 9 volte prova a sollevare una palla gonfiabile con i piedi;
  6. prova a piegare l'asciugamano con le dita dei piedi (7 volte);
  7. poggia le mani sul bordo di una sedia, siediti delicatamente (5-7 volte);
  8. stare vicino al muro per la ginnastica, afferrare la barra con le mani (a livello del petto). Rotola sui piedi di entrambe le gambe dai talloni alle dita dei piedi (fino a 17 volte);
  9. rotolare una palla gonfiabile con un arto ferito.

Alla fine della lezione, devi camminare per la stanza in modo che il medico possa controllare l'andatura corretta. Fare un esercizio per ripristinare la respirazione (respiro profondo ed espirazione).

Terapia fisica per lesioni al menisco

Cambiamenti funzionali e successivi morfologici nell'articolazione si verificano a seguito della lesione stessa e dell'immobilizzazione prolungata dell'articolazione durante la terapia intensiva.

Immediatamente al momento della lesione o con ulteriori complicazioni sotto forma di edema, aumento della pressione interstiziale, il normale funzionamento dei recettori nervosi dell'arto viene interrotto.

La fase di recupero-allenamento inizia solo quando vengono raggiunti gli obiettivi del livello precedente. Il complesso di terapia fisica consiste in azioni più complesse che sono vicine ai movimenti naturali. Gli allenamenti sui simulatori di forza sono collegati, compresi i movimenti statici-dinamici delle gambe. Vengono condotte lezioni di trampolino, aggiungendo azioni inerziali.

  1. Ulteriore sviluppo della resistenza e della forza dei tessuti muscolari della parte inferiore della gamba, della coscia. Per fare ciò, esegui azioni di potenza e coordinamento più complesse..
  2. Raggiungimento della flessione dell'articolazione del ginocchio con un angolo inferiore a 60 0.
  3. Migliorare la sensibilità del ginocchio con esercizi di equilibrio.
  4. Preparazione dei muscoli per le azioni di corsa, per le quali vengono introdotti esercizi di affondi.
  5. Andatura corretta e capacità di corsa.
  6. Riportare il volume muscolare di una gamba dolorante al livello di una sana.
  7. Formazione dello stereotipo di atterraggio corretto durante il salto.

Fino al 75% è assegnato per esercizi speciali nel periodo di recupero.

Periodo di riabilitazione post-mobilizzazione

Gli esercizi per l'articolazione del ginocchio dopo una lesione al menisco nella seconda fase della riabilitazione vengono eseguiti in modo delicato con un aumento graduale della gamma di movimento e dei carichi..

Gli esercizi iniziali vengono condotti per aumentare la gamma di movimento. Dopo il recupero del 30-40% delle capacità motorie del ginocchio, l'allenamento è integrato con esercizi per aumentare la forza muscolare.

Lo schema di esercizi viene regolato dall'istruttore, tenendo conto delle capacità personali, delle capacità e dell'età del paziente.

Il programma è sviluppato tenendo conto degli obiettivi della riabilitazione:

  • tornare alla vita normale;
  • per gli sport dilettantistici;
  • tornare agli sport professionistici.

Nel periodo post-mobilitazione, il complesso comprende:
Esercizi di coordinamento per riprendere il controllo del tessuto muscolare della gamba ferita.

Migliorare la flessibilità per consentire la completa estensione dell'articolazione del ginocchio

Sviluppo della resistenza muscolare e della loro forza

Maggiore attenzione dovrebbe essere prestata al muscolo quadricipite della coscia e ai muscoli posteriori della parte inferiore della gamba, coscia, poiché sono loro che consentono di ripristinare la capacità di sostegno dell'arto.

Esercizi di forza e stretching, varie tecniche di massaggio per ottenere la flessione del ginocchio da 90.

Formazione di un'andatura naturale.

Periodo di riabilitazione funzionale - esercizi

Una serie indicativa di esercizi per il periodo funzionale di riabilitazione dopo la terapia chirurgica

La parte in acqua viene eseguita in posizione supina:

  1. Le mani sono sulla testa, mentre le dita sono chiuse nella serratura. Le braccia si raddrizzano con un respiro profondo e durante l'espirazione si abbassano sulla testa. (3-4 ripetizioni).
  2. Ad un ritmo medio, l'articolazione della caviglia è piegata in direzione dorsale e plantare. Fai movimenti circolari. (15-18 ripetizioni).
  3. La palla medica viene lanciata e presa. (15-18 ripetizioni).
  4. L'arto ferito e sano viene sollevato alternativamente. (12-14 ripetizioni).
  1. Devi sdraiarti e appoggiarti sui gomiti, la parte posteriore della testa e una gamba sana e piegata. Solleva lentamente il bacino. In questo caso, la gamba dolorante non può essere strappata dal pavimento, ma piegala solo al ginocchio. (4-7 ripetizioni).
  2. Riposa sulle mani e sul ginocchio sano. L'arto malato viene sollevato all'indietro e in alto e lentamente riportato alla posizione piegata. (6-9 punti).
  3. Siediti lentamente sui talloni da una posizione a quattro zampe. (6-9 punti).
  4. Si siedono su una sedia. Con le dita dei piedi, afferrano e spostano gli oggetti. (14-17 ripetizioni).
  5. Alza la palla medica con i piedi. (7-9 punti).
  6. Raccogli un asciugamano in pieghe. (5-7 punti).
  7. Accovacciarsi lentamente, abbassando il bacino sul pavimento con il supporto sul bordo della sedia con le mani. (5-7 punti).
  8. Al muro della ginnastica, le mani afferrano la barra all'altezza del petto. Rotolano con i piedi dai talloni alle dita dei piedi. (13-17 ripetizioni).
  9. Posizionare il piede della gamba ferita su una palla medica e rotolarla in direzioni diverse.

Cammina per l'ufficio con le stampelle per controllare l'andatura corretta.

Nella parte finale vengono eseguiti esercizi di respirazione e azioni di rilassamento muscolare.

Misure diagnostiche

Risonanza magnetica per immagini del ginocchio

Dopo che il paziente è stato consegnato all'ufficio del traumatologo, il medico deve condurre un colloquio e un esame visivo. Sulla base di questi risultati, vengono prescritti ulteriori metodi diagnostici che aiuteranno a stabilire la causa esatta e la gravità della lesione..

Dopo una diagnosi preliminare, il medico può raccogliere il liquido sinoviale dalla cavità articolare mediante puntura. Se allo stesso tempo vengono rilevate impurità del sangue, ciò indica un possibile danno all'apparato legamentoso. Per le fratture esposte, vengono prescritti ulteriori studi per determinare la presenza di infezioni virali.

Se i segni visivi di danno sono assenti o meno pronunciati, gli specialisti possono condurre ulteriori test. In questo caso, il paziente deve fare alcuni movimenti con la gamba e allo stesso tempo dire al medico cosa sente. Pertanto, è possibile determinare la presenza di una frattura o lussazione..

Nel caso in cui i metodi di cui sopra non fornissero risultati accurati, al paziente viene prescritta una risonanza magnetica o computerizzata. Utilizzando questi metodi diagnostici, puoi scoprire se ci sono danni ai tessuti molli: legamenti, cartilagine o tendini.

Perché la riabilitazione è importante?

In artroscopia, i chirurghi iniettano il fluido di irrigazione nella cavità articolare, che viene utilizzato per separare le articolazioni e organizzare lo spazio per l'operazione. A volte, questo fluido può penetrare nei tessuti molli circostanti e causare emorragia e gonfiore..

Non sorprende che dopo l'operazione si verifichi gonfiore dei tessuti, il paziente avverta un forte dolore. Durante l'intervento chirurgico, le terminazioni nervose ei vasi sanguigni sono danneggiati, il che contribuisce allo sviluppo del processo infiammatorio.

Il dolore e il gonfiore fanno temere alla persona di muovere l'arto. Il paziente può sviluppare artrosi. Pertanto, l'essenza della riabilitazione dopo la resezione del menisco è la seguente:

  • eliminare le sensazioni dolorose;
  • accelerare il processo di rigenerazione dei tessuti;
  • normalizzare la secrezione del liquido articolare;
  • ripristinare la funzione motoria del ginocchio.

Il recupero dopo l'artroscopia del menisco consiste in una serie di trattamenti:

  • terapia farmacologica;
  • fisioterapia;
  • fisioterapia.

Come alleviare il dolore

La terapia principale durante il periodo di immobilizzazione è finalizzata all'eliminazione del dolore, del gonfiore

Unguento per alleviare il dolore al gelato

e infiammazione. Per questo, vengono utilizzati farmaci del gruppo corticosteroide e antinfiammatorio non steroideo..

Unguento anestetico o rinfrescante al ginocchio completa il trattamento principale del menisco.

Il trattamento con rimedi popolari aiuta anche ad anestetizzare il menisco ferito dell'articolazione del ginocchio. Cosa sono le compresse da materie prime naturali utilizzate per:

  • bardana;
  • miele;
  • alcol;
  • pappa di cipolla.

Dopo l'eliminazione della sindrome del dolore, iniziano le misure di riabilitazione.

Terapia fisica - La terapia fisica dopo l'artroscopia del menisco del ginocchio viene eseguita a giorni alterni.

Mentre l'articolazione è immobilizzata, l'esercizio consiste in:

  • da esercizi di direzione evolutiva generale, per muscoli diversi
  • riscaldamento di un arto sano;
  • dalla tensione isometrica e dal rilassamento dei muscoli della gamba ferita;
  • tenendo un arto in posizione sollevata o abbassata.

Per evitare la congestione e migliorare la circolazione periferica nel ginocchio immobilizzato, a volte si consiglia di abbassare la gamba dal letto e quindi fornirle una posizione elevata.

Perché è necessaria la terapia fisica

Il trattamento per le lesioni dei legamenti dell'articolazione del ginocchio può essere eseguito sia in modo chirurgico che conservativo. La chirurgia è solitamente richiesta quando il menisco è lacerato. Oggi, questa procedura viene solitamente eseguita mediante artroscopia. Per lesioni più lievi, viene applicata una fasciatura al ginocchio. Immediatamente dopo l'infortunio, l'articolazione ha bisogno di riposo completo per fornire le condizioni per la guarigione della cartilagine.

Come risultato della lesione e dell'immobilizzazione dell'articolazione, si verificano cambiamenti funzionali in essa, che portano alla disabilità dell'arto. Con danni al menisco e conseguenti complicazioni (edema, aumento della pressione interstiziale), le terminazioni nervose soffrono. Di conseguenza, si verifica ipertonicità muscolare e la motilità dei tendini viene inibita..

L'immobilizzazione prolungata dell'arto porta a conseguenze negative e aumenta significativamente il rischio di complicanze. Basti pensare che in una settimana di completa inattività i muscoli perdono il 20% delle loro capacità. Un mese e mezzo senza movimento porta alla patologia della capsula articolare, che diventa troppo rigida. Ci vuole un doppio sforzo per muovere il ginocchio. L'immobilizzazione di otto settimane causa una perdita del 40% di elasticità dei legamenti articolari.

Pertanto, la terapia fisica per la lesione del menisco viene prescritta fin dai primi giorni di riabilitazione. La ginnastica terapeutica nello sviluppo dell'articolazione del ginocchio svolge le seguenti funzioni:

  • rimozione della sindrome del dolore;
  • normalizzazione della circolazione sanguigna;
  • ripristino della mobilità dei legamenti;
  • tonificare i muscoli delle gambe.

Corsi di ginnastica

Quando inizi un allenamento dopo un infortunio, devi consultare un allenatore e un terapista della riabilitazione. Il carico durante la riabilitazione viene selezionato individualmente, tenendo conto della gravità del danno.

Il primo mese hai bisogno di chinesiterapia - sessioni di riabilitazione per ripristinare le funzioni delle articolazioni. Nei grandi centri fitness e palestre, tali allenamenti vengono eseguiti da medici della riabilitazione..

Gli atleti esperti possono esercitarsi su macchine o con il proprio peso. Gli esercizi consentiti dopo l'infortunio sono l'estensione e la flessione degli arti con un peso leggero. È consentito fare affondi e squat nella macchina Smith. La condizione principale è la leggerezza, 10-15 kg.

I principianti sono incoraggiati a utilizzare il trainer ellittico (orbitreck). Inizia senza resistenza, aumentando gradualmente il carico o la larghezza del passo.

Periodo postoperatorio precoce e tardo

Il recupero precoce dalla chirurgia del menisco è destinato a:

  • eliminazione del processo infiammatorio;
  • miglioramento dei processi di circolazione sanguigna;
  • prevenzione dell'atrofia muscolare.

Immediatamente dopo l'intervento, l'articolazione del ginocchio viene immobilizzata. I medici prescrivono farmaci non steroidei che vengono presi come anestetici locali.
In caso di accumulo di liquido nell'articolazione, è necessario eseguire una puntura per prevenire processi infettivi. Gli agenti battericidi sono obbligatori.

Dopo la resezione del menisco, il medico prescrive condroprotettori che aiutano a ripristinare il tessuto cartilagineo danneggiato. Ma tali medicinali devono essere assunti per almeno 3 mesi. Gli specialisti spesso prescrivono farmaci sotto forma di iniezioni.

Nel periodo postoperatorio è necessaria la fisioterapia

La terapia fisica è una componente importante del corso di riabilitazione

Anche il tardo periodo postoperatorio ha le sue caratteristiche. La chirurgia del menisco comporta un graduale aumento dello stress sull'articolazione. Entro 20 minuti, i pazienti eseguono esercizi speciali 3 volte al giorno. La terapia fisica viene eseguita fino a quando i sintomi dolorosi scompaiono completamente.

Gli esercizi dopo la rimozione del menisco del ginocchio includono:

  1. Movimenti attivi di varia natura con l'utilizzo di una rete di sicurezza.
  2. Squat.
  3. Camminare con il piede rotola indietro.
  4. Esercizi per migliorare la resistenza.

Durante il periodo di riabilitazione è consentito il massaggio

Ma è importante capire che subito dopo l'operazione, la procedura medica di cui sopra è vietata se la rottura del tessuto è stata suturata. Dopotutto, una tale manipolazione può causare danni alla capsula articolare.

Massaggiare la parte inferiore della gamba e la zona della coscia per migliorare i processi di rigenerazione dei tessuti.

La durata del periodo di recupero dipende dalla gravità della lesione.

Inoltre, è importante familiarizzare con i tipi esistenti di intervento chirurgico per una rottura del menisco

Lacrime di plastica

Se il menisco è danneggiato, i medici usano il metodo di cucitura. L'operazione viene eseguita utilizzando l'artroscopia.

I pazienti rimangono in clinica per non più di 2 giorni in caso di intervento chirurgico. La terapia postoperatoria dura non più di 3 settimane

È importante seguire una serie di raccomandazioni durante il periodo di riabilitazione:

  1. 2 giorni dopo l'operazione, puoi già camminare usando il supporto. Ma solo un medico può determinare fino a che punto le passeggiate sono consentite..
  2. Per 21 giorni dopo l'intervento, dovresti muoverti con le stampelle. Cerca di non piegare il ginocchio.
  3. Il tutore deve essere indossato per il mese successivo. Il medico consente già al ginocchio di piegarsi in questa fase.
  4. Dopo 2 mesi, puoi già camminare senza supporto.
  5. Dopo sei mesi, il medico potrebbe permetterti di fare degli sport.

Il recupero completo è del tutto possibile entro un anno, se segui le raccomandazioni degli specialisti.

Meniscectomia

La resezione del menisco è un tipo di intervento più delicato per il ginocchio, poiché la riabilitazione avviene in un tempo più breve rispetto al caso delle cuciture.

È necessario considerare come va normalmente il processo di recupero dopo la meniscectomia:

  1. Il 3 ° giorno, per prevenire l'atrofia muscolare, vengono eseguiti numerosi esercizi. Il complesso viene sviluppato su base individuale, concentrandosi sulle caratteristiche fisiologiche di ciascun paziente, nonché sulla presenza di dinamiche positive dei sintomi clinici dopo l'intervento chirurgico. L'esercizio può essere regolato nel corso della terapia riabilitativa.
  2. I punti vengono rimossi all'inizio della seconda settimana.
  3. Nelle 2 settimane successive, il ginocchio è soggetto a carichi motori. Durante questo periodo di riabilitazione, i pazienti usano le stampelle. Vengono dimessi dall'ospedale, quindi tutte le procedure mediche devono essere già eseguite a casa fino a quando i sintomi dolorosi non scompaiono completamente..
  4. Dopo 1,5 mesi, i pazienti possono tranquillamente andare al lavoro.
  5. Dopo 2 mesi, le persone possono praticare sport.

L'esito positivo dell'operazione e la durata del periodo di riabilitazione dipendono in gran parte dal tipo di intervento chirurgico scelto, dalla professionalità del medico, dallo stato di salute del paziente e dalla sua età. Pertanto, al fine di evitare conseguenze disastrose, sottoporsi a un esame diagnostico approfondito e avvicinarsi in modo responsabile al programma di recupero dopo l'intervento chirurgico..

Periodo di riabilitazione attiva

In questa fase, è necessario riprendere il pieno controllo dei muscoli della gamba ferita. Gli esercizi di flessibilità dovrebbero aiutare a ripristinare la mobilità articolare. È necessario ottenere un angolo di estensione dei legamenti del ginocchio di almeno 90º. Per ripristinare il tono muscolare precedente, vengono eseguiti ginnastica di forza, esercizi di coordinazione.

Nella prima fase della riabilitazione attiva, un complesso di esercizi ginnici viene eseguito in modalità delicata con un attento dosaggio del carico. La maggior parte degli esercizi viene eseguita stando sdraiati o seduti. In futuro, il carico aumenta progressivamente. Diventa più esercizio in posizione eretta. Camminando, vengono aggiunte attività dinamiche. Si consiglia di iniziare a camminare con le stampelle: in questo modo è più facile controllare la corretta andatura.

La terapia fisica per ripristinare un arto danneggiato sarà molto più efficace se completata da vari tipi di massaggio.

Ecco alcuni esempi di esercizi che ti aiuteranno a recuperare il ginocchio in pochissimo tempo:

  1. Il paziente giace, appoggiato sui gomiti, la parte posteriore della testa e una gamba sana piegata. È necessario abbassare e sollevare gradualmente il bacino senza sollevare l'arto ferito dal pavimento.
  2. L'enfasi è su 3 punti: gomiti e ginocchio sano. La gamba dolorante si solleva lentamente all'indietro, quindi ritorna alla posizione piegata.
  3. Mentre è seduto, il paziente afferra vari oggetti con i piedi e li sposta. Puoi afferrare una palla medica sollevandola e abbassandola delicatamente.
  4. Il paziente si siede su un divano con le gambe penzoloni e il paziente è di fronte a quello sano. Gli arti si alzano e si abbassano lentamente in modo che la gamba sana assicuri l'infortunato.
  5. L'esercizio viene eseguito sdraiati. Un arto sano è parallelo al pavimento e il paziente si piega all'altezza del ginocchio e si alza ad angolo retto.
  6. L'esercizio viene eseguito su un simulatore. Il sollevamento delle gambe viene eseguito con il supporto sul letto, quando le si abbassa, l'enfasi è esclusivamente sull'arto dolorante.
  7. Al muro della ginnastica, il paziente afferra la barra all'altezza del torace con le mani ed esegue rotoli regolari dalla punta al tallone e alla schiena.

A poco a poco, i carichi aumentano e vengono introdotti più esercizi di forza:

  1. Squat. Quando li fai, è meglio aggrapparsi allo schienale della sedia. La profondità degli squat dovrebbe essere la più profonda possibile, ma non dovrebbe essere consentito il dolore acuto.
  2. L'esercizio viene eseguito su un tapis roulant. A passo lento, con l'appoggio sulla ringhiera, cammini all'indietro. Ad ogni passo, il piede dovrebbe rotolare dal naso al tallone.
  3. Allenamento ciclistico. Qui è necessario selezionare correttamente l'altezza della posizione di seduta sulla cyclette in modo che nella posizione inferiore la gamba sia completamente raddrizzata. Tieni i pedali corti.
  4. Avrai bisogno di un nastro elastico lungo almeno 1,5 m, fissato al muro svedese ad un'altezza di 15-25 cm dal pavimento. Il paziente si trova a una distanza di 1 m dal muro e fissa il cappio sulla caviglia della gamba sana. Con lo stesso arto esegue oscillazioni laterali di ampia ampiezza.
  5. Piegando una gamba, il paziente salta sull'altra. I salti vengono eseguiti lungo la linea tracciata sul pavimento.
  6. Correndo sul posto. Una fascia elastica è attaccata alle spalliere e fissata all'altezza del torace. In questa posizione, il paziente corre, alternando una gamba all'altra.
  7. L'esercizio viene eseguito in piedi. L'arto ferito si solleva ad angolo retto. Pertanto, è necessario riposare per almeno 5 secondi..

La terapia fisica per la lesione al menisco del ginocchio termina con esercizi di respirazione e rilassamento. È auspicabile integrare il complesso con massaggi e nuotate in piscina.

Restauro chirurgico del menisco

Il menisco gioca un ruolo importante nel normale funzionamento dell'articolazione del ginocchio, quindi, durante l'operazione, non viene completamente rimosso, ma cercano di preservare la massima quantità di tessuto intatto. Esistono due metodi principali di riparazione chirurgica del menisco dopo l'infortunio:

  • Sutura, che viene eseguita in caso di rottura lineare, se non è trascorsa più di una settimana dal momento del danno. Ha senso applicarlo solo nell'area di un buon afflusso di sangue. Altrimenti, il tessuto non crescerà mai insieme e dopo un po 'si verificherà una rottura ripetuta..
  • Raramente si ricorre alle protesi meniscali che utilizzano speciali piastre polimeriche, di solito con distruzione e rimozione estese della maggior parte del tessuto cartilagineo. Inoltre, esiste la possibilità di trapianto di tessuti freschi congelati del donatore.

In conclusione, vale la pena ricordare che se hai un infortunio al ginocchio, devi contattare un traumatologo esperto. Il medico determinerà la natura del danno ed eseguirà il trattamento necessario. L'esecuzione di semplici esercizi per la riabilitazione e il ripristino della funzione del menisco dopo l'intervento chirurgico ti consentirà molto presto di dimenticare uno spiacevole incidente e tornare alla tua precedente vita attiva.

Regole per condurre esercizi di fisioterapia

Affinché la ginnastica sia il più efficace possibile, è necessario rispettare le regole:

  1. I movimenti dovrebbero essere fluidi e misurati.
  2. Se durante l'esercizio si verifica dolore, è necessario interrompere l'esercizio, consultare il medico.
  3. L'attività fisica aumenta gradualmente.
  4. Per ottenere l'effetto, la ginnastica dovrebbe essere eseguita quotidianamente..
  5. Prima dell'allenamento, i muscoli devono essere riscaldati.

Importante! Il mancato rispetto delle regole è irto di aggravamento delle condizioni generali del paziente.

Promemoria per pazienti con lesione al menisco

Per ripristinare rapidamente la capacità funzionale dell'articolazione del ginocchio danneggiata e tornare alla vita normale,

è necessario attenersi alle seguenti raccomandazioni:

  1. Pratica regolarmente ginnastica medica ed educazione fisica (LFK) in ospedale ea casa.
  2. Collega le lezioni in acqua calda. Temperatura consentita nell'intervallo 35-36 ° C.
  3. Non alzare la gamba, non fare bagni troppo caldi.
  4. Regola l'alimentazione per ridurre il peso.
  5. Includere nella dieta cibi ricchi di fibre, condroitina naturale, collagene.
  6. Dare priorità nella nutrizione a latticini, verdure, frutti di mare, pesce di mare.
  7. Elimina i grassi animali e i carboidrati vuoti.
  8. In estate, saturare la dieta con frutta, bacche, verdure.
  9. Prendi complessi multivitaminici in inverno e in primavera.

E, soprattutto, ricorda che l'efficacia del trattamento non dipende dalla professionalità dei medici e dall'efficacia dei farmaci, ma dalla partecipazione attiva del paziente al processo di riabilitazione..

Riabilitazione sportiva

Gli atleti tornano all'allenamento piuttosto rapidamente attraverso l'uso di metodi alternativi. Ai fini di una rapida riabilitazione, utilizziamo power trainer progettati per allenare tutti i gruppi muscolari, inclusi i muscoli dell'arto operato. La macchina per esercizi più popolare di questo tipo è il cicloergometro. Vengono inoltre utilizzate lezioni in piscina, consistenti nel camminare sull'acqua, esercizi speciali per eliminare completamente i fenomeni di rifinitura della contrattura, nuotare a "gattonare" su schiena e petto per 30-35 minuti.

In generale, la prognosi medica è favorevole a tutti. Un menisco rimosso non può causare disturbi dell'andatura se il paziente si sottopone tempestivamente a un adeguato corso di recupero.

Come dimenticare per sempre il dolore alle articolazioni?

Hai mai avuto dolori articolari insopportabili o mal di schiena persistente? A giudicare dal fatto che stai leggendo questo articolo, li conosci già personalmente. E, naturalmente, sai in prima persona di cosa si tratta:

  • dolore costante e acuto;
  • l'incapacità di muoversi comodamente e facilmente;
  • tensione costante dei muscoli della schiena;
  • sgradevoli scricchiolii e ticchettii nelle articolazioni;
  • lombalgia acuta nella colonna vertebrale o dolore senza causa alle articolazioni;
  • incapacità di sedersi a lungo in una posizione.

Ora rispondi alla domanda: ti va bene? Come puoi sopportare un tale dolore? Quanti soldi hai già speso per un trattamento inefficace? Esatto, è ora di finirlo! Sei d'accordo? Ecco perché abbiamo deciso di pubblicare un'intervista esclusiva, che svela i segreti per sbarazzarsi di dolori articolari e alla schiena. Leggi di più...

gt; " target = "_ blank" rel = "nofollow"gt;

gt; " target = "_ blank" rel = "nofollow"gt;

gt; " target = "_ blank" rel = "nofollow"gt;

Top